Stop all’importazione di petrolio russo. Gli Usa ci pensano, la Germania dice no: l’Europa non reggerebbe il colpo

Gli Stati Uniti stanno pensando di vietare le importazioni di petrolio russo nel tentativo di sanzionare ulteriormente il regime di Putin.Lo ha dichiarato il segretario di Stato americano, Antony Blinken, alla Cbs.

Blinken ha spiegato che si tratta di un’eventualità da discutere “con i nostri partner e alleati europei per esaminare in modo coordinato la prospettiva di vietare l’importazione di petrolio russo assicurandoci che ci sia ancora una fornitura adeguata di petrolio sui mercati mondiali”. Si tratta di una misura sollecitata dal premier ucraino Zelensky, che ha chiesto di inasprire ulteriromente le sanzioni contro la Russia.

I consiglieri di Joe Biden stanno discutendo inoltre una possibile missione in Arabia Sauditaquesta primavera per “aiutare a sanare le relazioni e convincere Riad a produrre più petrolio”. E’ quanto rivela oggi il sito Usa Axios che sottolinea che questa “missione con il cappello in mano indica la gravità della crisi globale energetica provocata dall’invasione russa dell’Ucraina”.

Ma il cancelliere tedesco,Schulz scartato oggi l’ipotesi di un embargo energetico alla Russia. “In questo momento, l’approvvigionamento energetico dell’Europa per la generazione di calore, la mobilità, l’elettricità elettricità e l’industria non può essere garantito in nessun altro modo”, ha affermato. L’energia proveniente dalla Russia è essenziale per la vita quotidiana dei cittadini europei, ha aggiunto, ed è per questo che l’Unione Europea ha escluso un embargo energetico dalle sanzioni imposte a Mosca.

Il leader tedesco ha spiegato che si sta lavorando su alternative all’energia russa, ma il processo richiederà tempo. “Pertanto, è una decisione consapevole da parte nostra quella di continuare le attività con le aziende del settore energetico russo”, ha affermato.

Scholz ha anche assicurato che la Germania accoglie con favore tutti gli sforzi internazionali per rispondere all’invasione russa dell’Ucraina con sanzioni significative e specifiche, come quelle dirette contro le istituzioni finanziarie, la Banca centrale e più di 500 persone. “Tutte le nostre misure sono progettate per colpire duramente la Russia e possono essere sostenibili a lungo termine”, ha aggiunto.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.