Crea sito

Sondaggio, tira aria di rivolte Gli italiani non si fidano più dei politici

By Pasquale Aveta (per ith24)

La fiducia degli italiani nei confronti dei politici al governo è pessima. Lo rivela il sondaggio di Euromedia Research che prospetta gli umori degli italiani in un momento così difficile come quello che stanno vivendo per colpa del coronavirus, ma anche per come è stata gestita la pandemia.

 Alessandra Ghisleri ha realizzato il sondaggio per La Stampa, Ghisleri sottolinea come la paura degli italiano dall’inizio dell’emergenza ad oggi sia aumentata vertiginosamente, soprattutto per il futuro. Difatti solo il 5%, continua a nutrire fiducia nella politica. Un numero mai così basso.

“Dopo cento giorni di lockdown gli italiani iniziano ad avere paura: sette su dieci temono che la crisi economia possa far esplodere le rivolte sociali, soprattutto al Nord. Solo cinque (come dicevamo, ndr) su cento dichiarano di avere ancora fiducia nei politici“. Così la Ghisleri.

E ancora: “Il tema vero è che la fiducia nei politici italiani oggi è al 4,6%, solo un punto percentuale più alta di quel periodo che ha portato Beppe Grillo al famoso V-day, il che ci spinge ad affermare con forza che la politica oggi non deve inseguire il consenso, ma il buon senso“.

Ma ritornando alla carne viva, ai numeri usciti dal sondaggio, Ghisleri riporta all’attenzione che il 64,6% “si dichiara consapevole del rischio di importanti tensioni sociali soprattutto nelle aree più produttive del paese”.

E il dato che fa accapponare la pelle è proprio quello che riguarda la ripresa economica: “Il 56,8% teme l’aggravamento della situazione economica mentre il 40,1% rimane ancora concentrato sul contagio”. Ai posteri l’ardua sentenza.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.