Crea sito

Scorta Silvia Romano, nel mirino degli inquirenti ci sono 40 messaggi ritenuti pericolosi

By Pasquale Aveta (per ith24)

La liberazione della giovane cooperante Silvia Romano, tenuta prigioniera per 18 mesi in Somalia, e liberata il 10 maggio scorso, ha creato molte polemiche. Non per la liberazione, neanche per la conversione all’Islam, e se proprio vogliamo dirla tutta, neanche per il riscatto pagato, ma semplicemente perché all’arrivo indossava un telo verde, sinonimo della sottomissione al gruppo terroristico di Al Shabaab. Un telo che offende non solo le donne islamiche ma tutte le donne.

Da qui tutta una serie di messaggi offensivi. Per gli inquirenti circa una quarantina i più pericolosi. Si è pensato addirittura di offrire la scorta alla giovane Silvia Romano. Il fascicolo è stato affidato al pm Alberto Nobili,

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.