Sciopero dei benzinai: ecco dove è possibile fare benzina

In attesa dell’attuazione dello sciopero indetto da Federazione autonoma italiana benzinai (Faib), Federazione italiana gestori impianti stradali carburanti (Figisc) e Federazione gestori impianti carburanti e affini (Fegica), previsto a partire dalla serata di domani, per gli automobilisti dello Stivale inizia la ricerca dei distributori che resteranno comunque aperti.

I rimostranti inizieranno a incrociare le braccia alle ore 19.00 di martedì 24 gennaio, per poi riprendere la propria regolare attività alla stessa ora di giovedì 26. Lungo le autostrade, invece, le manifestazioni di protesta partiranno e si concluderanno 3 ore più tardi (pertanto dalle 22.00 del 24 fino alla medesima ora del 26). Lo sciopero, come già annunciato, riguarderà infatti sia gli impianti su rete ordinaria che quelli su autostrada, inclusi ovviamente anche i self-service.

Saranno circa 170, sugli oltre 470 totali distribuiti sul territorio nazionale, quelli a restare a disposizione dei cittadini nonostante le rimostranze indette per protestare contro il decreto emanato dal governo lo scorso 14 gennaio che prevede nuove norme di trasparenza sul prezzo dei carburanti e multe per i trasgressori. Come previsto dalla legge, infatti, un distributore ogni 100 chilometri deve restare obbligatoriamente a disposizione degli automobilisti: anche nelle città, pertanto, alcune pompe continueranno a lavorare regolarmente.

E questo per il fatto che anche l’approvvigionamento di carburante è ritenuto un servizio essenziale. La percentuale di distributori che devono garantire il proprio servizio varia a seconda della zona di riferimento, ma in genere si può dire che questa organizzazione ricalca le orme delle tradizionali turnazioni che si verificano in occasione dei giorni festivi. La norma, in sostanza, prevede che in aree urbane ed extraurbane sia garantita anche in caso di sciopero l’attività di almeno il 50% delle stazioni totali presenti: di solito, in questi casi si procede mettendo a disposizione degli automobilisti solo gli impianti interamente automatizzati.

Diverso, invece, il discorso per quanto concerne le autostrade. Secondo quanto disposto dalla Conferenza delle Regioni, dovranno restare a disposizione degli automobilisti quegli impianti a cui spetterebbe il turno: si tratta concretamente di 179 aree di rifornimento sulle 477 totali e, come anticipato, verrà garantita l’apertura di almeno una di esse ogni 100 chilometri, secondo quanto espressamente indicato dalla normativa di riferimento. Oltre questi, peraltro, a restare aperte durante i due giorni di sciopero saranno le pompe relative agli impianti autonomi dell’Associazione nazionale gestori autonomi carburanti (Angac). Angac, infatti, ha scelto di non aderire alle rimostranze indette da Faib, Figisc e Fegica, che insieme rappresentano almeno il 70% degli esercenti del settore carburanti.

“Il Governo, invece di aprire al confronto sui veri problemi del settore continua a parlare di ‘trasparenza’ e ‘zone d’ombra’ solo per nascondere le proprie responsabilità e inquinare il dibattito”, attaccano i rappresentanti dei tre gruppi in un comunicato congiunto, “lasciando intendere colpe di speculazioni dei benzinai che semplicemente non esistono”. “Ristabilire la verità dei fatti iviene quindi prioritario, per aprire finalmente il confronto di merito”, conclude la nota.

A garantire il servizio in Emilia Romagna su rete autostradale, tangenziali e raccordi sono:

  • Autostrada A1(Da Milano a Napoli Area di servizio Arda Ovest, km 73 e Area di servizio Cantagallo Ovest, km 199) e (Da Napoli a Milano Area di servizio Cantagallo Est, km 199; Area di servizio Arda Est, km 73).
  • Autostrada A13 (Da Bologna a Padova Area di servizio Castel Bentivoglio Est, km 11 e da Padova a Bologna Area di servizio Castel Bentivoglio Ovest, km 11).
  • Autostrada A14 (Da Bologna a Taranto Area di servizio La Pioppa Ovest, km 2; Area di servizio Santerno Ovest, km 59; Area di servizio Montefeltro Ovest, km 133) e (Da Taranto a Bologna Area di servizio Bevano Est, km 89; Area di servizio Sillaro Est, km 37).
  • Autostrada A15 (Da Parma a La Spezia Area di servizio Medesano Ovest, km 15) e (Da La Spezia a Parma Area di servizio Tugo Est, km 54).
  • Autostrada A22 (Da Modena a Brennero Area di servizio Campogalliano Est, km 309).

In Lombardia il servizio è garantito su tre turni sulla stessa direttrice di marcia:

  • TURNO “A”: Autostrada A1 (Da Milano a Napoli San Donato Ovest, km 1 e da Napoli a Milano San Donato Est, Km 1). Autostrada A4 (Da Torino a Trieste Brianza sud, Km 148 e Monte Alto est, Km 245. Da Trieste a Torino Monte Alto ovest Km 245; Sebino nord Km 197; Lambro nord Km 134). Autostrada A7 (Da Milano a Genova Cantalupa ovest Km 2 e da Genova a Milano Dorno est Km 33). Autostrada A8-A9 (Da Milano a Varese Villoresi est Km 9 e da Varese a Milano Brughiera ovest Km 41). Autostrada A21 (Torino – Piacenza – Brescia Stradella sud Km 130 Lombardia; Ghedi est Km 230 / Brescia – Piacenza – Torino Ghedi ovest Km 230; Stradella nord Km 130). Autostrada A50 (Milano Tangenziale est Rho ovest Km 1; San Giuliano ovest Km 28; Muggiano est Km 19). Autostrada A51(Milano Tangenziale Ovest Cascina Gobba est Km 9; Cascina Gobba ovest Km 9). Autostrada A52 (Milano Tangenziale Nord Cinisello nord Km 8 Lombardia).
  • TURNO “B”: Autostrada A1 (Da Milano a Napoli S. Zenone Ovest Km 15 e da Napoli a Milano Somaglia Est Km 44). Autostrada A4 (Da Torino a Trieste Pero sud Km 122; Brembo sud Km 166; Valtrompia sud Km 214. Da Trieste a Torino San Giacomo ovest Km 227; Brembo nord Km 166; Novate nord Km 128). Autostrada A7 (Da Milano a Genova Dorno ovest Km 33 e da Genova a Milano Cantalupa est Km 2). Autostrada A8-A9 (Da Milano a Varese Brughiera est Km 41, e da Varese a Milano Villoresi ovest Km 9). Autostrada A21 (Brescia – Piacenza – Torino Cremona nord Km 194). Autostrada A22 (Brennero a Modena Po ovest Km 267; Brennero Po est 267). Autostrada A50 (Milano Tangenziale est Muggiano ovest Km 12; Rozzano est Km 24. Milano Tangenziale Ovest Cologno Monzese est Km 15; Carugate ovest Km 19).
  • TURNO “C”: Autostrada A1 (Da Milano a Napoli Somaglia Ovest Km 44 e da Napoli a Milano S. Zenone Est Km 15). Autostrada A4 (Da Torino a Trieste Lambro sud Km 134; Sebino sud Km 197; San Giacomo est Km 227; Valtrompia nord Km 214. Da Trieste a Torino Brianza nord Km 148; Pero nord Km 122. Raccordo Gallarate a Gattico Verbano ovest Km 6. Raccordo Gallarate a Gattico Verbano est Km 6). Autostrada A8-A9 (Lainate-Como-Chiasso Lario ovest Km 28. Chiasso-Como-Lainate Lario est Km 28). Autostrada A21 (Torino – Piacenza – Brescia Cremona sud Km 194). Autostrada A50 (Milano Tangenziale est Assago ovest Km 19; San Giuliano est Km 28). Autostrada A51 (Milano Tangenziale Ovest Carugate est Km 19; Milano Tangenziale Ovest Vimercate ovest Km 29).

Alto Adige garantiranno il servizio gli impianti sulla A22 di Nogaredo ovest e Paganella est.

Comunicati anche i distributori che resteranno aperti in Toscana:

  • Autostrada A1, direzione Milano-Napoli (Bisenzio-Ovest, km 280, Badia al Pino Ovest, km 362);
  • Autostrada A1, direzione Napoli-Milano (Montepulciano Est, km 395; Arno Est, km 321; Firenze Nord, km 280);
  • Autostrada A11, direzione Firenze-Pisa (Peretola Nord, km 2);
  • Autostrada A11, direzione Pisa-Firenze (Migliarino Sud, km 79);
  • Autostrada A12, direzione Genova-Roma (Castagnolo Ovest, km 164);
  • Autostrada A12, direzione Roma-Genova (Fine Est, km 200);
  • Autostrada A15, direzione Parma-La Spezia (San Benedetto Ovest, km 80).

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.