Crea sito

Scandalo giustizia, Daniele: “si dimettono tutti. Dopo il capo del Dap, anche il capo di gabinetto di Bonafede. Solo il ministro resta ancora incollato alla poltrona…”

By Gaetano Daniele

Il settore Giustizia fa acqua da tutte le parti. Dopo lo scandalo scarcerazioni, e dopo le dimissioni da capo del Dap di Basentini (su nomina del ministro 5 Stelle Alfonso Bonafede), si dimette anche il capo Gsbinetto del ministero della Giustizia, Fulvio Baldi. Con la speranza che non sia l’unico dopo Basentini, ma i primi di una lunga serie dopo il regalo alle mafie. Anche se ad oggi, il ministro Alfonso Bonafede resta ancora incollato alla poltrona nonostante pende una mozione di sfiducia che sarà presto discussa in Parlamento.

Ma a far dimettere Fulvio Baldi, pare ci siano delle indiscrezioni che vanno oltre la vergognosa scarcerazione dei boss mafiosi al 41bis. Infatti, Fulvio Baldi, braccio destro e armato di Bonafede, avrebbe rassegnato le sue dimissioni, “per motivi personali”.

Baldi, viene sostituito dal capo dell’ufficio legislativo, Mauro Vitiello. Ma la questione che solleva il ‘Fatto Quotidiano‘ in merito ad
intercettazioni agli atti dell’inchiesta di Perugia, nelle quali si riferiva di una conversazione tra Luca Palamara, pm romano ora sospeso, e lo stesso Baldi, che è estraneo alle indagini, fa riflettere molto. Forse bolle dell’altro, in pentola?

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

42 Risposte a “Scandalo giustizia, Daniele: “si dimettono tutti. Dopo il capo del Dap, anche il capo di gabinetto di Bonafede. Solo il ministro resta ancora incollato alla poltrona…””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.