Crea sito

Saman, la Procura chiede l’arresto internazionale dei genitori. Ma come scrisse “il Corvo” a ith24, il Pakistan potrebbe rifiutarlo

La Procura di Reggio Emilia ha formalizzato la richiesta di arresto internazionale per i genitori di Saman Abbas, la 18enne pakistana che si presume sia stata uccisa ormai più di due mesi fa dai familiari perché aveva rifiutato un matrimonio combinato. La richiesta di rogatoria al Pakistan per il padre e la madre di Saman, Shabbar Abbas e Nazia Shaheen, dovrà ora passare alla firma del ministero della Giustizia e di quello degli Esteri, per le rispettive autorizzazioni.

Per parte italiana ci si aspettano tempi brevi, ma il problema potrebbe crearsi con il Pakistan, paese con cui l’Italia non ha accordi bilaterali in materia e sul quale, quindi, avrà un ruolo cruciale l’intervento della nostra diplomazia. I genitori di Saman si sono imbarcati per il Pakistan da Malpensa il primo maggio, all’indomani del presunto omicidio, e da allora sono a Mandi Bahuddin, la loro cittadina di origine al confine con l’India, non sottoposti ad alcun tipo di restrizione.

In Italia sono indagati con le accuse di omicidio premeditatosequestro di persona e occultamento di cadavere, insieme allo zio di Saman, Danish Hasnain di 33 anni, considerato esecutore materiale dell’omicidio, a due cugini della giovane, Nomanhulaq Nomanhulaq di 35 anni e Ikram Ijaz di 28 anni. Tutti sono latitanti, tranne Ijaz, arrestato in Francia e interrogato nei giorni scorsi nel carcere di Reggio Emilia, dove ha continuato a negare di essere coinvolto nel caso, senza però riuscire a convincere gli investigatori.

Intanto proseguono le ricerche del campo della ragazza, per le quali anche un gruppo di archeologi di Milano darà il proprio aiuto, dopo che il comando provinciale dei carabinieri di Reggio Emilia ne ha accettato l’offerta. Da questa settimana, invece, si è unita alle ricerche una squadra di quattro cani della polizia tedesca specializzati nel ritrovamento di cadaveri. Si tratta dello stesso team utilizzato anche per trovare i corpi dei coniugi Neumair in Alto Adige.

Sull possibile rifiuto del Pakistan, lo affermò proprio un militare delle Forze Speciali italiane a ith24.

Di seguito la sua intervista:

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.