Rocca vince: “Ora una squadra straordinaria”. E ringrazia anche il rivale D’Amato (Video)

Sono appena passate le 18, al Salone delle Fontane all’Eur, dirigenti e militanti accolgono con un boato Francesco Rocca, neo eletto presidente della Regione Lazio. Ma chi si aspettava un discorso da “brindisi e champagne” resta

Lex presidente della Croce rossa approccia la sala con la compostezza che lo ha contraddistinto per tutta la campagna elettorale. Mai una replica velenosa, mai un tono sopra le righe, mai un attacco agli avversari. Rocca affronta con sobrietà anche il momento del trionfo elettorale che pure ha visto altri in passato (sul fronte opposto) festeggiare in modo anche sguaiato.

Il neo presidente della Regione Lazio parla di “una grande emozione e una grande soddisfazione. È stata una corsa breve ma molto intensa – dice – Insieme a questa soddisfazione prevale il senso di responsabilità per risollevare una sanità che mortifica la dignità dei cittadini”. Una vittoria, ribadisce Rocca, che “porta un segno di responsabilità, perché dieci anni di sinistra hanno allontanato tanto i cittadini dalle istituzioni. Noi ci impegneremo per far ritornare il senso di fiducia. Saremo all’altezza di formare una squadra straordinaria”.

Lo stile di Rocca presidente della Regione Lazio è data anche dai suoi ringraziamenti. A cominciare dal presidente del Consiglio. “Un grazie particolare va a Giorgia Meloni “che mi ha dato grande fiducia e mi ha inserito nella terna per la candidatura”. E nella lista che include nei ringraziamenti Rampelli. TrancassiniDurigon  Tajani e Gasparri, che “hanno lavorato pancia a terra”, arriva l’onore delle armi al rivale principale. Il candidato dem Alessio D’Amato, “che mi ha telefonato per riconoscermi la vittoria”.

A precisa domanda dei giornalisti, Rocca ha già le idee chiare anche sulle prime decisioni. ”Ho promesso a Vittorio Sgarbi che faremo un piano regolatore energetico nel Lazio”, dice. “Non consentiremo lo scempio del territorio con i parchi eolici, che invece devono essere offshore”. E ancora annuncia l’intenzione di “revocare quella delibera che ha regalato duemila ettari di tenuta agricola al comune di Roma a un canone surreale’’, dice il neo governatore. Al secondo punto, mettere mano alle liste d’attesa nei pronto soccorso. In meno di un quarto d’ora il discorso della vittoria è già terminato. “C’è tanto da fare e non c’è tempo da perdere”, ribadisce Rocca. Vincente con stile. 

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.