Non ne dice una buona: Roberto Saviano querelato dai commercialisti

By Fabio Vacca (per ith24)

Non ne dice una buona. Lo scrittore copione Roberto Saviano è stato querelato dai commercialisti.

Infatti, dopo averli offesi a Che tempo che fa: (“Semplicemente segue il percorso dei soldi. A un certo punto, quando un’azienda inizia ad andare in crisi, loro avvicinano i commercialisti. E il commercialista, cioè una persona di cui ti fidi, spesso ti dice ‘c’è quella società, c’è quella persona che è interessata’ Quando non è quella strada, perché hai la fortuna di avere dei professionisti seri, ci sono moltissime altre strade: le banche, il consulente che ti dice di andare in quel posto piuttosto che in un altro”), si è visto arrivare un comunicato congiunto delle associazioni di categoria Adc, Aidc, Anc, Andoc, Fiddoc, Sic, Unagraco, Ungdcec e Unico. “Un atto a cui le associazioni nazionali hanno deciso di dare seguito per tutelare opportunamente la categoria e la sua immagine”.

La frase infelice di Saviano aveva provocato non solo l’indignazione dei diretti interessati, ma anche quella della politica, soprattutto quella del leader della Lega Matteo Salvini: “Bravi i commercialisti che lo querelano, così magari il signor Saviano ci penserà due volte prima di insultare ancora”.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.