Prove di forza: Usa e Corea rispondono a Kim: lanciati 4 missili terra-aria, ma c’è un pericoloso errore (Video)

E’ arrivata nella notte la risposta di Usa e Corea del Sud alla “provocazione” del dittatore Kimche ieri aveva lanciato un missile balistica sui cieli dei nemici confinanti che aveva sorvolato il Giappone. Le forze alleate hanno a loro volta lanciato quattro missili terra-terra nel Mare dell’Est nell’ambito di esercitazioni congiunte, un giorno dopo il lancio del missile balistico a raggio intermedio (IRBM) della Corea del Nord, ha reso noto l’esercito di Seul. Usa e Corea hanno lanciato due missili Army Tactical Missile System (ATACMS) a testa, che hanno colpito con precisione bersagli fittizi e hanno dimostrato la capacità degli alleati di scoraggiare ulteriori provocazioni, ha affermato il Joint Chiefs of Staff (JCS).  I lanci sono stati effettuati “per rispondere alle provocazioni della Corea del Nord e assicurarci di poter dimostrare le nostre capacità”, dice il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, John Kirby. Ciascuna delle due parti ha sparato due missili balistici a corto raggio Atacms di fabbricazione statunitense.

Un errore ha fatto tremare però le popolazioni sudcoreane e messo a rischio vite umane. Uno dei due missili lanciati dalla Corea ha fallito l’obiettivo poco dopo il lancio e si è schiantato, senza conseguenze, come preciserà poi l’esercito di Seul. Tuttavia l’esplosione ha scatenato a lungo il panico sui social media nella città di Gangneung, dove i cittadini hanno temuto un attacco nordcoreano. Il missile si è schiantato all’interno di una base dell’aeronautica militare nella periferia della città, e ha causato un vasto incendio. Sul “volo anomalo” l’esercito sudcoreano ha avviato un’indagine.
Ieri il Nord aveva effettuato il primo test balistico in otto mesi, lanciando un missile IRBM per circa 4.600 chilometri che aveva sorvolato il Giappone. In risposta, gli alleati hanno tenuto esercitazioni aeree nel corso della giornata e un caccia F-15K sudcoreano ha sparato due proiettili JDAM a un poligono di tiro su un’isola del Mar Giallo.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.