Pensioni, Cgil e Uil protestano senza una proposta

Si è aperto oggi il primo tavolo per il confronto sulle pensioni che proseguirà spedito con tavoli settimanali a partire dall’incontro dell’8 febbraio dedicato alle misure per giovani e donne. Insieme al ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Marina Calderone, erano presenti all’incontro con le associazioni datoriali e sindacali i sottosegretari Claudio Durigon (Lavoro) e Federico Freni (Economia e Finanze), i vertici dell’Inps e l’ufficio legislativo del ministero della Pubblica Amministrazione.

L’attuale quadro della spesa pensionistica e la sua evoluzione nel tempo hanno fatto da premessa all’incontro. Con un intervento del presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, che ha messo a fuoco la difficoltà dell’Istituto di previdenza sociale in un momento di crollo demografico. Anticipando che, in assenza di una inversione di rotta, nel 2050 avremo un lavoratore che sostiene con i suoi contributi la pensione di un ex lavoratore. Non a caso, durante l’incontro, il ministro Calderone ha anticipato la volontà di ripristinare permanentemente il Nucleo di valutazione della spesa previdenziale per meglio monitorare i fattori che influenzano l’andamento del settore consentendo così una revisione sostenibile del complesso sistema pensionistico vigente.

Le direttrici di sviluppo del confronto viaggiano verso un ulteriore miglioramento dell’attuale normativa vigente. In particolare, per quanto riguarda la flessibilità in uscita – e specialmente in riferimento alle categorie più interessate da lavori usuranti – e per la revisione delle pensioni sperimentali come Opzione Donna e il potenziamento della previdenza complementare, con un’azione di vera e propria educazione previdenziale mirata a rendere più adeguati gli assegni pensionistici. Sul tavolo anche l’attenzione ai meccanismi di staffetta generazionale al fine di favorire l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro senza disperdere il patrimonio di competenze dei più anziani con una cooperazione virtuosa fra Stato e Imprese per favorire il ricambio generazionale.

Non soddisfatti del quadro descritto, i due segretari di Cgil e Uil hanno lamentato comunque l’assenza di risposte alle proposte inserite nella piattaforma al termine dell’incontro. “Continuare ad avere tavoli megagalattici con una quantità di associazioni va benissimo – ha affermato Maurizio Landini, segretario Cgil – ma noi vogliamo avviare una trattativa nella quale il governo deve rispondere alle richieste fatte da Cgil Cisl e Uil”. “Continuiamo a insistere per avere risposte immediate su alcuni punti che sono noti al governo”, ha dichiarato il leader della Uil, Pierpaolo Bombardieri, al termine dell’incontro. Non si è fatta attendere la replica della Calderone che ha fatto notare ai due sindacalisti (più prospettica è stata l’analisi del segretario della Cisl) che il ministero del Lavoro – al contrario di altri partecipanti al tavolo – fino a stamattina non aveva ancora ricevuto ufficialmente le proposte (“piattaforma”) della Triplice.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.