Crea sito

Paolo Mieli epocale: “Parlamento spappolato, difficile che arrivi fino a fine legislatura per eleggere il successore di Mattarella”. Cala il gelo…

“Sta per scoppiare il dopo-Covid”. A fare questa previsione è lo scrittore e storico Paolo Mieli: “Anche oggi come in ogni dopoguerra si dice ‘ora la vita ricomincia’”. In un’intervista alFatto Quotidiano, Mieli dice che bisogna affrontare il post pandemia in maniera serena, dal momento che le epidemie nella storia hanno sempre cambiato il mondo in modo negativo, ma anche in modo positivo, “perché rompono schemi e gerarchie”. Il lockdown, il crollo del turismo, la caduta del Pil ci hanno fatto pensare a un periodo molto critico per l’Italia in futuro, soprattutto dal punto di vista economico.

Ma secondo Paolo Mieli non c’è da preoccuparsi in maniera significativa: “Oggi pensiamo che saremo più poveri, ma le vicende che seguono le grandi epidemie – dalla peste di Atene del V secolo a.C. a quella del Seicento raccontata dal Manzoni – ci dicono che la ripresa avverrà con una velocità inimmaginabile”. Mieli è lo stesso che ad agosto aveva detto di sentire aria di elezioni anticipate. Si aspettava che dopo il voto la maggioranza avrebbe avuto un “brutto risveglio”.

Così non è stato, almeno per ora. Ma lo storico ribadisce che la situazione politica attuale non è delle migliori: “Questo Parlamento mi sembra spappolato, mi riesce difficile che arrivi alla fine della legislatura, in tempo per eleggere il successore di Mattarella”.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

3 Risposte a “Paolo Mieli epocale: “Parlamento spappolato, difficile che arrivi fino a fine legislatura per eleggere il successore di Mattarella”. Cala il gelo…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.