Nicola Porro umilia e ridicolizza Marco Travaglio: “Ti faccio un disegnino. Blitz di Conte sui servizi segreti, ma per Il Fatto è tutto normale”

Continua a tenere banco il caso dei servizi segreti, con Giuseppe Conte che ha inserito in gran segreto un articolo nell’ultimo decreto-Covid, quello con cui ha prorogato ulteriormente lo stato di emergenza. Scontate le polemiche, sia da parte dei partiti di opposizione che da quelli di maggioranza: il blitz del premier sui servizi segreti sa tanto di golpe per alcuni.

Ma di certo non per Marco Travaglio: il Fatto Quotidiano non ci trova nulla di strano nell’operato di Conte. “Non avevamo dubbi – tuona Nicola Porro nella sua zuppa quotidiana – se al posto di Conte ci fosse stato Berlusconi, Zingaretti o chiunque altro sarebbe successo il finimondo.

Questa piccola norma, inserita nel decreto sullo stato di emergenza, permette al premier di riconfermare per altri quattro anni i capi dei servizi segreti.

Ma Travaglio quando parla dei suoi amichetti non sente ragioni e fa la battutona sul premier che propone di confermare i capi dei servizi segreti anziché farli nominare da Amadeus e Milly Carlucci”.

Secondo Porro bisogna fare “un disegnino” per far capire la questione al direttore del Fatto: “Il problema non è che li nomini il premier, ma che lui ha fatto una norma speciale all’interno di un decreto che invece riguarda la proroga dell’emergenza”. 

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

41 Risposte a “Nicola Porro umilia e ridicolizza Marco Travaglio: “Ti faccio un disegnino. Blitz di Conte sui servizi segreti, ma per Il Fatto è tutto normale””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.