Crea sito

Natale e Capodanno, il governo dà i numeri al lotto, Zampa: “Al cenone 6 persone al massimo”

Rigore, sobrietà, restrizioni. La linea del governo Conte per Natale e Capodanno ormai è chiara: spendere soldi ma non festeggiare. E non bastano gli inviti alla responsabilità.

Il paternalismo di Stato si fa sempre più occhiuto e invadente. Da Palazzo Chigi vogliono dettare le regole anche per le cene e gli incontri tra parenti. Alle parole di Giuseppe Conte, che aveva parlato di un Natale sobrio e senza abbracci, si aggiungono ora quelle della sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa (Pd).

“A Capodanno non saranno permessi ritrovi in piazza e feste come negli anni passati, saranno adeguatamente normati anche quei giorni. Come governo dobbiamo avere un atteggiamento molto rigoroso e, a differenza di questa estate, non ci saranno deroghe perché non possiamo immaginare una terza ondata”. Così Sandra Zampa (PD), ospite di Lilli Gruber a ‘Otto e mezzo Sabato’ su La7.

“Questo Natale – ha aggiunto – dobbiamo fare lo sforzo di essere davvero il meno numerosi possibile: non è il numero in sé ma più si allarga la cerchia di persone che non si frequenta abitualmente, maggiore è il rischio”.

Immagino che si possa dire cinque, sei persone al massimo tra gli affetti più cari ma è ovvio che non sarà possibile controllarlo, quindi a tutti verrà chiesto di limitare il più possibile le persone che si riuniscono. Mancano 40 giorni a Natale e in questo momento i dati epidemiologici ci dicono che non ci si può spostare tra regioni, ma ci aspettiamo che i numeri migliorino e che quindi siano possibili deroghe”.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.