Missile sulla Polonia, Joe Biden: “Era della difesa ucraina”. Mosca apprezza la reazione Usa

Non solo la considerazione sul fatto che appariva «improbabile» che il missile che ha colpito la Polonia fosse russo. Il presidente Usa Joe Biden, secondo quanto riferito da fonti da fonti dell’Alleanza e riportato dall’agenzia di stampa Reuters,nel corso del vertice G7-Nato, convocato nella notte, avrebbe detto esplicitamente che si è trattato di un missile della difesa aerea ucraina. Si tratta di uno scenario emerso subito tra quelli considerati plausibili dalle intelligence occidentali e da subito apparso come piuttosto accreditato proprio negli Usa.

Tutti i leader che si sono espressi sulla vicenda hanno rilasciato dichiarazioni all’insegna dell’estrema prudenza. Una cautela che ha evitato che la situazione, estremamente delicata, deflagrasse in una ulteriore escalation. Lo stesso Cremlino ha fatto sapere di aver valutato positivamente la reazione degli Usa pur recriminando sul fatto che la Polonia, ha sostenuto il portavoce del Cremlino, Dmitruy Peskov, aveva tutti i mezzi per indentificare i missili come S-300 e, dunque, non appartenenti alle forze armate russe.

Sul caso sono comunque in corso le indagini della Polonia, supportate dagli alleati. E la Nato,dopo il vertice con il G7, ha convocato nella propria sede di Bruxelles una «riunione d’emergenza» degli ambasciatori dell’Alleanza, per fare il punto sull’accaduto. Tra le circostanze allo studio c’è anche la rotta del missile tracciata da un aereo Nato che stava sorvolando lo spazio aereo polacco, come riferito da un funzionario militare dell’Alleanza alla Cnn. «Le informazioni con le tracce radar sono state fornite alla Nato e alla Polonia», ha aggiunto la fonte.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.