Milioni sprecati in Banchi a rotelle, e nel dopo Azzolina gli alunni siedono ancora a terra

Banchi a rotelle: il simbolo del disastro del governo Conte sulla scuola e dell’inadeguatezza del suo ministro Lucia Azzolina. Che aveva avuto il coraggio di definire il frutto di uno sperpero vergognoso come “patrimonio strutturale” della scuola. Ebbene dei banchi a rotelle si torna a parlare oggi. Il ministero della Pubblica istruzione si appresta infatti ad acquistare 50mila nuovi banchi per il prossimo anno scolastico.

Nelle scuole italiane quindi i banchi mancano ancora e il nuovo acquisto serve per sostituire le forniture non conformi agli standard di qualità. Proprio quei banchi a rotelle del bando Arcuri, che aveva previsto la consegna di 2,1 milioni di scrivanie monoposto e 434mila sedute con le rotelle. Forniture sulle quali è in corso un’indagine della Corte dei Conti per verificare se vi sia stato danno erariale.

I magistrati contabili, infatti – scrive Il Messaggero – “hanno aperto un fascicolo mesi fa, dopo una segnalazione arrivata dall’Anac, nella quale non venivano ipotizzati reati, ma si concludeva che il costo dei banchi fosse stato troppo alto… Il secondo problema si è palesato più avanti: una volta consegnato il materiale, molti banchi si sono rivelati praticamente inutilizzabili e sono in larga parte rimasti nei magazzini”.

Per ogni banco monoposto si sono spesi 18 euro in più del giusto prezzo di mercato. Uno scandalo, un monumento all’incapacità di Arcuri e Azzolina. Il primo ripescato dal governo Draghi come consulente del sottosegretario ex Dc Tabacci.

La seconda, a sua volta ha sempre difeso la scelta infelice dei banchi a rotelle. Una presa in giro agli italiani in una fase di grande difficoltà per tutto il Paese.

Pubblicato da edizioni24

Sito a cura di Rita De Marco dal 07/09/2021. Rita De Marco è una studentessa di Napoli, aspirante giornalista, fashion Blogger. Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.