Crea sito

Mattarella vs Conte, dopo l’incontro vige il massimo silenzio: i numeri si contano sull’unghia ed il Colle vuole vederci chiaro

Bocche cucite. L’incontro, durato neanche un’ora, tra Conte e Mattarellanon fa registrare dichiarazioni da parte dei protagonisti. Il Quirinale, si sa, parla solo attraverso note ufficiali. Colpisce, invece, la consegna del silenzio da parte del premier. Prima di salire al Colle era filtrata l’indiscrezione circa la natura «interlocutoria» del colloquio. A conferma  che nessuna decisione ne sarebbe scaturita. Scontato, del resto, dal momento che Conte è salito al Quirinale per riferire sul voto del Senato(soprattutto) e sull’esito del vertice di maggioranza tenutosi in mattinata.

Una settimana fa, a crisi di governo già aperta, Mattarella aveva raccomandato a Conte di «uscire velocemente dall‘incertezza». Con l’occhio al calendario e guardando in direzione di Bruxelles, dove attendono il nostro Recovery Plan, tutto autorizza a pensare che analoga sollecitazione sia arrivata oggi. Anche la brevità del colloquio, fa pensare che Mattarella abbia evitato di dare suggerimenti limitandosi ad ascoltare. Non tanto la cronaca del voto del Senato, che ha registrato una maggioranza ben al di sotto di quota 161, quanto il da farsi ora per il futuro. Il presidente avrà probabilmente preso atto che una maggioranza numerica per impedire le dimissioni del premier c’è, ma non avrà mancato di sottolinearne la fragilità politica.

Tanto più alla luce della pandemia in atto e delle misure predisposte dal governo per attutirne l’impatto sulle economie di imprese, famiglie e cittadini. In ballo, sin dai prossimi giorni ci sono il decreto sui ristori e nuove misure di contrasto all’epidemia. Passaggi per i quali servono maggioranze ampie e coese, non raccogliticcia come quella raggranellata ieri a Palazzo Madama. Solo nelle prossime ore capiremo se le rassicurazioni di Conte circa la volontà di dar vita a un nuovo gruppo parlamentare sono reali oppure no. Il premier ne ha parlato anche nel vertice di maggioranza. L’attesa, però, non può essere infinita. Anche perché il centrodestra è in pressione su Mattarella. Chiede un’udienza per «rappresentare al Presidente della Repubblica il proprio punto di vista sulla situazione che è ormai insostenibile».

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.