L’Ue favorevole alla Manovra del governo Meloni: “E’ in linea”. Giorgetti: “Smentiti i gufi nazionali”

Una promozione. L’opinione della Commissione Europea sulla manovra economica dell’Italia per il 2023 è“complessivamente positiva”, ma “con alcuni rilievi critici”. Lo spiega il commissario all’Economia Paolo Gentiloni, a Strasburgo. “Nei saldi – continua – la proposta di legge rispetta le raccomandazioni del Consiglio di luglio; in sostanza di tenere sotto controllo la spesa corrente, in un periodo caratterizzato da alta inflazione e di stretta nella politica monetaria”. “Questa raccomandazione – continua – è stata recepita dal governo”.

“Ci sono alcuni aspetti positivi: come gli impegni di spesa per investimenti, legati alla transizione verde e all’innovazione tecnologica. Ci sono dei rilievi su alcune misure”: riguardano le decisioni sui  pagamenti digitali e all’evasione fiscale”. Segnaliamo che proprio su Pos e altre misure le decisioni sono in fieri: ci sono emendamenti, ad esempio, sull’abbassamento a 40 euro sul limite per il Pos. Si sta ragionanndo sul tema. Pertanto, il governo Meloni incassa la promozione della sua Manovra.

Felice di questa promozione dell’impianto complessivo della manovraè il premier Meloni: “Siamo particolarmente soddisfatti del giudizio espresso dalla Commissione europea sulla legge di bilancio. Una valutazione positiva che conferma la bontà del lavoro del Governo italiano; sottolinea la solidità della manovra economica; e ribadisce la visione di sviluppo e crescita che la orienta. In questa direzione continueremo a lavorare. Nell’interesse dei cittadini italiani, delle famiglie e delle imprese”.

“Grande soddisfazione per la promozione della Legge di Bilancio arrivata dalla Commissione europea”. Sono le parole di Giovanbattista Fazzolari, sottosegretario all’Attuazione del programma di Governo. “È la conferma dell’ottimo lavoro svolto dal ministro Giorgetti e da tutto il Governo. L’Italia è sempre più solida e credibile nel contesto europeo”.

Chiamato in causa, il ministro dell’Economia spiega: “La commissione ha promosso la nostra manovra giudicandola “in linea”: l’Italia è quindi inserita nella metà dei paesi europei che sono dalla parte giusta. Questo risultato è una grande soddisfazione. ‘Abbiamo smentito i gufi nazionali: serietà e responsabilità pagano e continueranno a essere alla base di ogni nostra decisione”,

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.