L’ipocrisia totale della sinistra: brucia le maschere di Salvini al carnevale di Scampia, poi manifesta per la pace in Ucraina….. Riaprire subito i manicomi

Il Carnevale dell’associazionismo, dei pacifisti, dei “ribelli”, degli idealisti di sinistra, ha due volti: il corteo e le maschere contro guerra in Ucraina, il falò della maschera di Matteo Salvini, poi esibita come in un rito tribale, andato in scena ieri a Scampia, popolare quartiere periferico di Napoli, nel corso del Carnevale del Gridas. Dal video, pubblicato da Repubblica, si può notare il divertimento dei “pacifisti” mentre danno fuoco all’icona del leader leghista, come fosse un trofeo di guerra. I pacifisti…

“Piena solidarietà e vicinanza al nostro segretario Matteo Salvini, vittima di un atto vile da parte dei responsabili di una Ong, a Scampia”, viene espressa dal segretario regionale campano della Lega Valentino Grant, dal coordinatore cittadino di NapoliSeverino Nappi e dal parlamentare Gianluca Cantalamessa in relazione a quanto avvenuto in occasione del Carnevale del Gridas a Scampia e conclusosi col tradizionale rogo del carro allegorico sul quale sono finite in fumo anche le maschere raffiguranti il volto dell’ex ministro dell’Interno.

Tra i promotori dell’iniziativa carnevalesca una Ong impegnata nel salvataggio dei profughi a mare. “Quanto avvenuto – sottolinea la nota congiunta – è ancora più grave e inqualificabile perché si verifica durante una manifestazione spacciata per festa di pace e di accoglienza, e per di più un periodo così tragico per l’Europa, dovuto alla guerra in Ucraina. Oramai non ci stupiamo più, questo è il senso di pace che hanno una certa sinistra e certe Ong, opportunisti del falso buonismo”.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.