Crea sito

Linguaggio squallido per una donna, Paola Taverna, lo sfogo al ristorante dopo lo stop al Dl Elezioni: “Figli di una mign***” Ma chi l’ha votata?

By Gaetano Daniele

Un linguaggio così non è tollerato nemmeno nelle patrie galere, figuriamoci da un senatore della Repubblica italiana, oltretutto donna. Ma alla senatrice dei 5 Stelle Paola Taverna, le espressioni volgari piacciono. Neanche se fossero medaglie al valor militare.

Infatti, a farla sbroccare è l’annullamento del voto sul dl Elezioni, causa mancanza del numero legale. Il Foglio dà conto degli insulti, come “sti fijide’na mign***a!”. Il tutto ha inizio – stando a quanto racconta il quotidiano diretto da Claudio Cerasa – alle 21.30 di giovedì, quando la senatrice grillina è comodamente seduta in trattoria con Vito Crimi, reggente M5s e Laura Bottici, questore del Senato. Qui a tutti arriva un messaggio dal gruppo parlamentare: “Aula convocata domani mattina alle 9.30. Va ripetuta la votazione di oggi. Rientrare tutti. Esserci”. Ed ecco che alla Taverna esce il “’Sti fiji de ’na mign***a!”.

insomma, ma con tutto il rispetto all’elettorato Grillino, ma chi ha avuto il coraggio di votare una così?

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.