Letta si tiene fuori dal “Campo Largo”: “Più vicino a Conte o a Di Maio? Il Pd è vicino al Pd”

Il segretario del Pd Enrico Letta, il giorno dopo lo strappo di Luigi Di Maio, è chiamato a commentare quella che anche per il suo partito appare come una brutta gatta da pelare. E lo fa a Porta a Porta cercando di prendere tempo, senza fornire una risposta immediata a ciò che tutti si chiedono. Il Pd guarda a Di Maio o a Conte? E che ne sarà del “campo largo”?

Letta afferma che la scissione se l’aspettava.  “Un po’ sì, era un po’ che la situazione era tesa, c’erano punti di distinzione. Non mi ha colto di sorpresa “. Ma al momento non ha alcuna intenzione di scegliere tra ciò che resta del M5S e il nuovo soggetto di Di Maio.

“Ho parlato con Conte e Di Maio, avendo un rapporto positivo con entrambi. – racconta Letta –  Mi è capitato di dire che essere uniti è un valore e noi abbiamo una certa esperienza di scissioni… lo stesso Pd subì la scissione da parte di Bersani con Renzi e poi di Renzi con Zingaretti e lo stesso Calenda che venne eletto con noi… Spero che queste scelte possano essere gestite”.

Quindi afferma che “sul campo largo sono abbastanza sereno, noi come Pd abbiamo la responsabilità di mettere in campo un’idea di Italia e poi confrontarci con gli altri”.

Per ora ha in testa i ballottaggi: “Domenica si vota in 13 capoluoghi e lì siamo al ballottaggio avendo messo in campo alleanze larghe sulla base di contenuti e progetti. La stessa cosa faremo per le politiche“. Quindi il Pd attende l’esito dei ballottaggi per tirare le somme e decidere quale strategia adottare. E ciò mentre anche Giuseppe Conte conferma, come ha fatto Di Maio, l’appartenenza all’area euroatlantica e dice che il sostegno a Draghi non è in discussione.

“I commentatori si chiedono: nel Pd chi è più vicino a Conte e chi a Di Maio? Io rispondo: il Pd è vicino al Pd. Abbiamo la responsabilità di mettere in campo un progetto”.  “Spero solo – si rammarica – che tutto questo non avvantaggi il centrodestra perché già è avvantaggiato. Noi dobbiamo rimontare e spero ognuno giochi la partita in modo da essere efficace”.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.