Lerner è ignorante. Non conosce la Storia: “Con la Meloni rischio autoritario’. Ma al governo senza il voto vanno i suoi compagni. E quand’anche volesse far passare la Meloni per fascista, Mussolini non era utilitarista Studia, poi parli!

Qualcuno rassicuri Gad Lernerche contro il fascismo sarà sempre «lotta dura, senza paura». E a culo tutto il resto: guerra, pandemia, choc energetico, immigrazione global warming, morte, miseria e disperazione. Ma sì, che stiano in fila dietro l’emergenza delle emergenze, lo spauracchio degli spauracchi, il fascismo appunto. Il solo citarlo, magari in una smorfia tra il disgustato e l’indolenzito, fa stare meglio Lerner. Gli allunga la vita, come la famosa telefonata della pubblicità. Del resto, è stato proprio lui a lanciare l’allarme in un’articolessa sul FattoQuotidiano, lamentando la rarefazione dell’antifascismo nel dibattito politico (ma se si parla solo di questo).

«Suona cafone – ha recriminato –, è roba superata, al pericolo di una svolta autoritaria non ci crede più nessuno (…)». Poveretto, come soffre: somiglia al protagonista della réclame del noto callifugo. Beh, certo, rinunciare all’antifascismo non è semplice. Soprattutto considerando quel che assicura in termini di visibilitàe di potere. Per molti è un mestiere, mica un’idea politica. Non per Lerner, intendiamoci. Lui è davvero convinto che, ove mai vincesse le elezioni, di fronte alle prime difficoltà, Giorgia Meloni non esiterebbe ad imprimere alle istituzioni la temuta torsioneautoritaria, facendo scivolare l’Italia verso il campo delle democrature.

E a poco servirebbe il ruolo di lord Protettore che un grande vecchio come Rino Formica ha sagomato per Mario Draghi: se ne sbarazzerà «a tempo debito», azzarda Lerner. Del resto – argomenta – non furono due limpidi liberali come Luigi Einaudi e Luigi Albertini a scommettere sulla Marcia su Roma come «evento benefico»? E lo stesso non è accaduto di recente con Berlusconi? Ma certo: «La Confindustria – prosegue Lerner – s’illuse di cavalcare il Cavaliere finché lui, imbizzarrito, rischiò a colpi di spread di disarcionare l’intera economia italiana». Analisisopraffina.

Peccato, però, che tranne quando guidarli fu Antonio D’Amato, gli industriali italiani abbiano sempre considerato Berlusconi una sorta di parvenu e gli abbiano fatto la guerrapraticamente sempre. Ma tant’è: Lerner aveva bisogno di pezze d’appoggio un po’ più recenti di quelle di Einaudi e di Albertini per certificare la permanenza in vita della deriva autoritaria. E ha tirato fuori dal cilindro il Cavaliere. Dimenticando, forse, che ha sempre governato dopo aver vinto le elezioni, non come altri entrati nella stanza dei bottonicontro il voto dei cittadini. Che poi questi ultimi siano antifascisti come il compagno Lerner, è solo un piccolo scherzo della storia.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.