Crea sito

Lega sconcertata per lo stato d’emergenza: Matteo Salvini chiama Sergio Mattarella

In un “cordiale” colloquio con il capo dello Stato Sergio Mattarella, il leader della LegaMatteo Salvini ha espresso “grande sconcerto e preoccupazione per la volontà del governo di prolungare lo stato di emergenza in assenza di giustificazioni sanitarie e giuridiche a supporto della scelta, per l’aumento esponenziale degli sbarchi di queste settimane (con problemi sanitari e sociali gravissimi soprattutto nel nostro Sud)”.

Il leader della Lega, dopo il discorso del premier Conte al Senato, ha così deciso di chiamare il Capo dello Stato per fargli conoscere il disappunto della Lega. “Per l’assoluto caos sulla scuola a proposito di riapertura, assunzioni, futuro degli otto milioni di studenti italiani e dei 200mila insegnanti precari”.

Salvini, riferiscono fonti della Lega, ha anche sottolineato “il rammarico per l‘ennesimo mancato coinvolgimento dell’opposizione sul decreto economico in votazione domani“.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Una risposta a “Lega sconcertata per lo stato d’emergenza: Matteo Salvini chiama Sergio Mattarella”

  1. L’ Italia e’ diventata lo zimbello di tutto il mondo gia’ lo era ma adesso si e’ passata di misura Naufraghi ( Per lo meno per questo governo con tutta la sinistra) che arrivano con il cappello di paglia il cane al guinzaglio e il gotto dentro la gabbietta da viaggio, ma che stiamo scherzando e ancora hanno la sfacciataggine di processare Salvini. Ma questo e un paradosso se il popolo Italiano avesse palle dovrebbe prendere d’ assalto il tribunale dove si avra il processo e buttare fuori a calci in culo tutti Giudici, Procuratori, avvocati e guardie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.