Crea sito

Le prime parole di Paragone: “Ho perso molto sangue”

By Lucia Gallo (per ith24)

Per fortuna sta bene il senatore Gianluigi Paragone e, a Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1, cerca di ricostruire quanto accaduto:: “Per fortuna sono appena arrivato a casa, mi hanno dimesso poco fa dandomi degli antidolorifici”..

E ancora: “Ero in motorino all’altezza delle piscine del Coni (a Roma, vicino allo stadio Olimpico, ndr). Una signora ha fatto inversione a “u” per passare all’altra carreggiata e io le sono andato addosso. Ho preso lo sportello, rompendogli il vetro, tagliandomi la mano e facendomi male un po’ dappertutto”.

Si è reso conto di quanto stava accadendo? “Sì, sono rimasto sempre vigile ma mi ero preoccupato perché avevo un taglio vistoso sul dito della mano. Perdevo molto sangue. E in più avevo dolori forti alle ginocchia, che non riesco a flettere”.

Si è fratturato qualcosa? “Fortunatamente no. Ho fatto anche una Tac ma non ho avuto problemii.

I suoi colleghi l’hanno cercata per sincerarsi delle sue condizioni? “Mi hanno mandato tutti dei messaggi: da Conte a Renzi a Salvini. Sono stati tutti molto carini”. Chi la sta assistendo in casa? “Un mio amico, un collega giornalista”. E il suo scooter in che condizioni è ? “Non so dove sia, lo hanno portato via subito”, così Paragone a Un Giorno da Pecora.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

30 Risposte a “Le prime parole di Paragone: “Ho perso molto sangue””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.