Crea sito

Le hanno fatte per loro. 250 migranti: “Veniamo in Italia perché qui le leggi sono meno restrittive”. Prego!

Perché i migranti vengono in Italia? “Perché avete leggi meno restrittive delle nostre”. A spiegarlo è uno dei 240 sbarcati dalla San Savino della Siremar, il traghetto che fa la spola tra Lampedusa e Porto Empedocle, ai giornalisti presenti sul molo. Gli immigrati irregolari sono stati poi portati in Sicilia e l’allarme è sia sociale che sanitario. “Abbiamo viaggiato sullo stesso traghetto – racconta un agrigentino al Giornale.it -, sebbene distanziati. Ma quasi ogni giorno è così e nonostante ci sia chi fa la santificazione a bordo, il rischio di contrarre il Covid-19 è sempre alto.

Abbiamo paura? Sì. Ormai parlano della nostra terra solo per i migranti, ma la Sicilia è altro. È turismo e cultura. Siamo stanchi”.

Il responsabile della Lega a Porto Empedocle Umberto Prestia parla di “scellerata gestione del governo riguardo al fenomeno dell’immigrazione clandestina”, un danno enorme per il turismo dell’isola già messo in ginocchio dal lockdown e i postumi dell’epidemia di coronavirus che per il momento sta risparmiando l’isola. Le misure di sicurezza per i migranti sono risibili: “Gli sbarcati – scrive ancora il Giornale -, quasi tutti tunisini, con qualche eccezione per alcuni soggetti che arrivano dal Bangladesh, salgono sui pullman.

Per ogni mezzo 55 persone, senza distanziamento sociale. Circa 190 di loro sono destinati a un centro di accoglienza di Caltanisetta, i restanti a Villa Sikania“. E restano nelle orecchie le parole di un residente: “Guardate, dicono che scappano dalla guerra, ma sono abbigliati come noi, sorridono e scherzano tra loro. Non ci risulta che in Tunisia ci sia la guerra”.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

54 Risposte a “Le hanno fatte per loro. 250 migranti: “Veniamo in Italia perché qui le leggi sono meno restrittive”. Prego!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.