Arriva la svolta, le deputate mamme potranno allattare nell’aula di Montecitorio. Ronzulli: finalmente!

Da oggi le parlamentari mamme potranno portare i loro figli e figlie in aula alla Camera e allattarli in alcune file a loro riservate. La decisione è stata presa dalla Giunta per il regolamento di Montecitorio. Che ha approvato un parere che ha fatto seguito all’ordine del giorno “sulle modalità di partecipazione delle deputate madri ai lavori parlamentari”.  Presentato da Gilda Sportiello dei 5Stelle e approvato il 27 luglio scorso.

Le deputate potranno partecipare ai lavori parlamentari e, da “apposite postazioni collocate nell’ultima fila superiore dell’emiciclo”, oppure in una tribuna riservata, “previamente e appositamente individuata dal Collegio dei Questori”, potranno allattare i loro bimbi fino al compimento di un anno. Viene così modificato il regolamento. Che prima prevedeva che nessuna persona estranea alla Camera potesse  “sotto alcun pretesto, introdursi nell’Aula dove siedono i suoi membri”. Una norma che di fatto costringeva le deputate a interrompere la loro partecipazione alle sedute per allattare.

Nel 2006 a Montecitorio venne allestita, vicino alla tribuna stampa, una saletta per l’allattamento delle deputate neomamme. Una richiesta di Donatella Poretti accolta dall’allora presidente della Camera Fausto Bertinotti. In seguito, con l’approdo in Parlamento di tante giovani deputate elette nel M5S, vennero allestiti altri spazi per l’allattamento vicino all’Aula. E anche una nursery. Ma in tutti i casi fino a oggi i neonati non potevano accedere all’emiciclo. Particolarmente soddisfatta Licia Ronzulli, già parlamentare europea. “Finalmente! Le Deputate italiane potranno allattare in Aula alla Camera senza rinunciare al voto. Bruxelles ha aperto la strada già 12 anni fa e lo chiedo da allora per le colleghe neo mamme in Italia. Sulla conciliazione lavoro-famiglia, le Istituzioni devono essere da esempio”.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.