Lampedusa è scoppiata Il Sindaco lancia l’allarme sociale per i continui sbarchi La Guardia Costiera: irregolari Alan Kurdi e Aita Mari

By Fabio Vacca (per ith24)

Lampedusa è scoppiata sotto gli occhi di un ministro dell’Interno che tifa porti aperti. Non si fermano gli sbarchi sulle coste italiane. È un continuo andirivieni. Solo dal primo maggio ad oggi i migranti arrivati sono 604. Oramai sono 4.069 dall’inizio dell’anno rispetto agli 842 dello stesso periodo nel 2019, quando alla guida dell’Interno c’era Matteo Salvini. Ed i costi aumentano a causa della quarantena a bordo di navi ad hoc pagate dallo stato quasi 1 milione e 200mila euro al mese. Soldi tolti dalle tasche degli italiani.

E a lanciare un nuovo allarme dopo i circa 200 migranti sbarcati nelle ultime ore a Lampedusa, è il primo cittadino Salvatore Martello: “siamo costretti a lasciarli sul molo Favaloro perché non abbiamo una struttura libera. Ho chiesto di piazzare una nave di fronte al porto. l’isola è in ginocchio. Come si fa a parlare di ripartenza?”

Una situazione al collasso, per non parlare delle ripercussioni che potrebbero avvenire in caso di positività asintomatica da coronavirus da parte di questi migranti clandestini. Una tragedia. Altro che aiuti nei campi.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

61 Risposte a “Lampedusa è scoppiata Il Sindaco lancia l’allarme sociale per i continui sbarchi La Guardia Costiera: irregolari Alan Kurdi e Aita Mari”

  1. vorrei essere accertato sulla veridicita’ della notizia.Sarebbe assurdo.Mi perdoni la mia diffidenza e grazie.

  2. Possibile che gli abitanti residenti di lampedusa non si rendono conto di quanto sta accadendo tra molto poco saranno più i profughi (invasori)che gli abitanti quindi dovrete prendere i traghetti lasciare le vostre casa a questi individui ma cosa aspettate ad armarci e buttarli in mare!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.