La replica di Zelensky: “Non sono fuggito”, il Times: “È scampato a tre attentati, ha una talpa a Mosca”

“Non sono scappato, sono qui a Kiev al mio posto”. Il presidente ucraino Voldymyr Zelensky ha risposto così, con un video su Instagram, alle affermazioni da Mosca, che lo davano in fuga. “Ogni due giorni arrivano informazioni che sono fuggito da qualche parte, che sono scappato dall’Ucraina, da Kiev, dal mio ufficio – ha detto – Come potete vedere, sono qui al mio posto, Andriy Borisovich (Yermak, il capo dell’ufficio presidenziale) è qui. Nessuno è scappato da nessuna parte, siamo qui a lavorare”. Poi il presidente si è concesso una battuta: “Ci piace fare jogging, ma non abbiamo tempo per farlo, per fare esercizi cardio. Lavoriamo, gloria all’Ucraina”.

Un frammento di missile, probabilmente russo, è caduto davanti all’ingresso della dacia di stato del presidente Volodymyr Zelensky, vicino Kiev. “Mi ha mancato” ha scherzato Zelensky, secondo quanto ha riferito il suo portavoce Sergii Nykyforov, che ha postato le foto dei resti del missile. Lo scrive The Kyiv Independent.

La propaganda di guerra da Mosca cerca di screditare l’immagine del presidente ucraino dandolo in fuga o trasferito all’estero. Ma lavora anche su fake news riguardanti la sua famiglia. Dopo aver fatto propaganda sulla sua fuga ora fa rimbalzare “gossip” sulla first lady Olena, che viene data in Costa Azzurra dalle solite fonti russe.

Il capo di Stato ucraino sarebbe scampato ad almeno tre tentati omicidi negli ultimi giorni. Lo scrive il Times secondo il quale mercenari del gruppo Wagner e forze speciali cecene sarebbe stati incaricati di ”eliminare” il presidente dell’Ucraina. Il giornale afferma però che i funzionari ucraini sarebbero stati informati dei piani da alcuni membri del Servizio di sicurezza russo che sono contrari alla guerra.

Il Times scrive inoltre che il gruppo Wagner ha subito perdite nei diversi tentativi di assassinare Zelensky. E’ “inquietante” quanto sia ben informato il team di sicurezza di Zelensky, ha detto una fonte. Un attentato sarebbe stato sventato sabato alle porte di Kiev, dove i killer ceceni sarebbero stati ”eliminati”.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.