La Polonia entra in guerra, “intesa con Kiev per abbattere missili russi in Ucraina”: patto Tusk-Zelensky

L’Ucraina e la Polonia hanno raggiunto un accordo storico per rafforzare la sicurezza di entrambi i Paesi. Un intesa dall’elevato peso specifico nel contesto del conflitto tra Russia e Ucraina. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e il primo ministro polacco Donald Tusk hanno siglato un’intesa che include una clausola specifica per l’abbattimento di missili e droni russi lanciati nello spazio aereo ucraino in direzione di Varsavia. “Questo documento senza precedenti include una disposizione per l’abbattimento di missili e droni russi nello spazio aereo ucraino che vengono sparati in direzione della Polonia”, ha scritto Zelensky sui social media, aggiungendo che “coopereremo anche per quanto riguarda gli aerei da combattimento, sia quelli già trasferiti dalla Polonia sia la possibilità di trasferirne altri in futuro”.

Zelensky ha descritto l’accordo come “senza precedenti”, rimarcando in particolare due aspetti che reputa cruciali: l’abbattimento di droni e missili nello spazio aereo ucraino diretti verso la Polonia e l’addestramento di una nuova unità militare volontaria a supporto delle forze ucraine. “Nel nostro accordo di sicurezza, abbiamo formalizzato la formazione e l’addestramento della Legione ucraina, una nuova unità militare volontaria, sul territorio polacco”, ha spiegato il leader ucraino, specificando che “questa unità sarà addestrata in Polonia ed equipaggiata dai nostri partner”.

La firma dell’accordo tra Zelensky e Tusk è avvenuta alla vigilia del vertice della Nato a Washington. “Chi difende l’Ucraina oggi difende anche se stesso“, ha commentato Tusk. Zelensky ha definito l’accordo “ambizioso” e “capace di proteggere vite e resistere al male russo”. Ha inoltre ribadito l’intenzione di cooperare sugli aerei da combattimento, sia quelli già forniti dalla Polonia, sia su eventuali ulteriori trasferimenti futuri. Tusk ha spiegato che la Polonia è favorevole all’idea di abbattere i missili russi diretti verso il territorio della Nato mentre si trovano ancora sul suolo ucraino. “Abbiamo bisogno di una chiara cooperazione all’interno della Nato su questo, perché tali azioni richiedono una responsabilità congiunta della Nato, siamo aperti a ciò, la logica indica che questa sarebbe assolutamente un’azione più efficace”, ha affermato.

A fine giugno, Tusk aveva annunciato che avrebbe incontrato Zelensky prima del vertice dell’Alleanza atlantica previsto a Washington, che inizierà domani. Tuttavia, l’annuncio che l’incontro si sarebbe svolto oggi a Varsavia è stato fatto solo questa mattina. Tusk ha lodato la “perseveranza e il coraggio” di Zelensky e ha promesso che Varsavia sarà sempre al fianco dell’Ucraina “nella lotta per un’Ucraina e un’Europa sicure”. “L’eroica difesa dell’Ucraina è anche la difesa dell’intero mondo libero”, ha dichiarato Tusk accanto a Zelensky. “L’attacco della Russia all’Ucraina è anche un attacco agli amici e ai vicini dell’Ucraina. Se questa guerra finisse male, finirebbe male anche per la Polonia e per l’intero mondo occidentale”, ha concluso.

Pubblicato da edizioni24

Pubblicato da ith24.it - Per Info e segnalazioni: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.