Intercettazioni choc, Luca Palamara come i boss: “Per fermarmi mi devono uccidere, peggio per chi si mette contro di me”

By Fabio Vacca (per ith24)

Siamo in grado di firnirvi altre intercettazioni che stanno emergendo a seguito dello scandalo dell’ex Capo dell’Anm Luca Palamara.

Intercettazioni choc che delineano chi fino a ieri ha rappresentato la magistratura italiana: “E secondo te io mollo? Mi devono uccidere. Peggio per chi si mette contro”. Queste le espressioni usate da Palamara in merito alle nomine al csm, unitamente ai deputati del Pd Cosimo Ferri, giudice in aspettativa e Luca Lotti, remziano per eccellenza.

Espressioni comunemente usate in ambito criminale. Insomma, altro che chiedere scusa a Salvini,

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Una risposta a “Intercettazioni choc, Luca Palamara come i boss: “Per fermarmi mi devono uccidere, peggio per chi si mette contro di me””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.