Immigrati, boom di ingressi clandestini in Europa. Frontex: 85% in più rispetto al 2021

Exploit di arrivi clandestini in Europa. Tra gennaio e maggio 2022 sono stati registrati 86.420 arrivi irregolari di migranti alle frontiere esterne dell’Ue. Dati che certificano un aumento dell’82% rispetto allo stesso periodo del 2021. Segnato dalle chiusure per la pandemia di Covid-19. In maggio, Frontex ha registrato circa 23.500 attraversamenti illegali dei confini esterni. In rialzo del 75% su maggio 2021. Si teme per la rotta balcanica.

I dati non includono le persone che sono fuggite dall’Ucraina, che possono circolare liberamente nell’Ue. Finora sono entrati nell’Ue dall’Ucraina e dalla Moldavia oltre 5,5 milioni di profughi dal Paese invaso dalla Russia. La rotta del Mediterraneo Centrale ha visto in maggio 6.066 arrivi irregolari. Più o meno in linea con il maggio 2021. Nei primi cinque mesi del 2022 sono stati 16.828 (+15%), con una prevalenza di egiziani, bengalesi del Bangladesh e tunisini. Tra le altre principali rotte migratorie, quella dei Balcani Occidentali ha visto 40.675 attraversamenti illegali, più o meno la metà del totale. E circa il triplo dei primi cinque mesi del 2021. Su questa rotta viaggiano per lo più siriani e afghani. La maggior parte delle persone prese mentre attraversavano i confini avevano già provato in precedenza ad entrare nell’Ue. In maggio il numero di immigrati irregolari nella regione è più che raddoppiato rispetto a un anno prima, a 12.088.

Il numero dei rilevamenti sulla rotta del Mediterraneo orientale è continuato a salire, a 13.668 nei cinque mesi, in rialzo del 116% rispetto al gennaio-maggio dell’anno scorso. Sono salite molto le rilevazioni a Cipro (+213%), che conta ormai per due terzi del totale degli arrivi su questa rotta. Llungo la quale si spostano per lo più nigeriani, siriani e congolesi della Repubblica Democratica (Congo Kinshasa). In maggio il numero dei migranti su questa rotta è aumentato del 55% a 2.226.

Sul confine terrestre orientale, il numero di arrivi illegali più che quadruplicato, a 2.155. Si tratta principalmente di ucraini entrati illegalmente, iracheni e bielorussi. In maggio i rilevamenti sono stati 207 (+67%). Lungo la Manica, in direzione del Regno Unito le partenze sono salite del 122% nei primi cinque mesi del 2022, a 17.243, con oltre 46 nazionalità rilevate su questa rotta. Che raggiunge il picco tra giugno e novembre. Dalla metà di aprile si è registrato un forte aumento dei cittadini albanesi. In aumento infine gli arrivi sulla rotta dell’Africa Occidentale verso le Canarie, a 8.305 in gennaio-maggio (+51%), mentre calano a 3.965 (-17%) nel Mediterraneo Occidentale.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.