Il Report, 6 italiani su 10 sono per la linea dura sui migranti, ma il Pd continua a fare la lagna umanitaria

Enrico Letta ha bisogno di far dimenticare le piazze contrapposte sulla guerra. E soprattutto il Pd ha bisogno di sviare l’attenzione dalla piazza di Roma, dove il segretario dem e ststo insultato e fischiato e ha dovuto abbandonare il corteo, mettendosi al riparo dietro uno striscione di donne ucraine.

Ora quello stesso Letta che quattro giorni fa veniva umiliato dalla sua stessa base e dai Cinquestelle, prova a riscattarsi mettendo cappello su quanto avviene nel porto di Catania. La mobilitazione degli “umani” contro i “disumani”. Un film già visto ai tempi del governo Conte-Salvini. “Ha ragione Luigi Manconi su la Repubblica: dal porto di Catania – al fianco di chi ha lasciato tutto per il diritto a una esistenza dignitosa – passano oggi le ragioni più profonde dell’identità della sinistra italiana”, scrive Enrico Letta su Facebook.

“È per questo che il Partito Democratico è lì da giorni. Ed è per questo che continueremo ad esserci, anche se non porta consenso, anche se in passato sono stati commessi errori, di prospettiva o di inazione”, prosegue il segretario del Pd.

“Noi siamo quelli di Mare Nostrum, siamo quelli che si sono battuti per abolire i decreti Salvini, siamo quelli che in Europa con più forza e più argomenti reclamano responsabilità condivise e solidarietà”. E’ stata l’ala sinistra del Pd a dettare la linea sugli sbarchi. Con il vicesegretario Giuseppe Provenzano che si è presentato al porto di Catania accusando il governo di operare «una discriminazione gravissima ed arbitraria». E con Elly Schlein,che ha parlato di “selezione arbitraria” e ha invocato sbarco immediato di tutti i migranti.

E la mobilitazione continua anche domani: al porto di Catania si svolgerà un sit-in di solidarietà e sostegno dei migranti delle navi Humanitas1 e GeoBarents. Ci saranno la Rete antirazzista, Rete Restiamo umani, Rete degli studenti medi, Colapesce, Anpi, Arci, associazioni regionali ambientaliste, della società civile, dell’antimafia e dalla Cgil siciliana.

Su una cosa però Letta ha ragione: la linea dei porti aperti non porta consenso. Un sondaggio per Quarta Repubblica di Nicola Porro, ieri sera, certificava che oltre il 60% degli italiani approva l’operato del ministro Piantedosi. E il sondaggio del lunedì del Tg di Mentana fotografa ancora l’ascesa di FdI, ormai al 29,4% mentre per il Pd si registra ancora un segno meno: -0,3% in una settimana.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.