Il Pd manipolizza pure Medvedev. FdI: “E’ una macchietta a livello planetario”

Lo definisce “una macchietta a livello planetario”parlando di una “nuova penosa dichiarazione del vicepresidente del Consiglio nazionale russo” , il senatore di Fratelli d’Italia Giovanbattista Fazzolari rinviando al mittente le dichiarazioni di Medvedev che, stamattina, dal suo account Telegram, aveva esortato i cittadini europei a ribellarsi ai propri governi punendoli nell’urna per il sostegno fornito dai Paesi della Ue a Kiev nel conflitto che li oppone alla Russia.

Secondo Fazzolari le dichiarazioni di Medvedev sono la “testimonianza della profonda decadenza del regime putiniano”. “Medvedev lancia un appello ai cittadini europei sperando di poter influenzare le loro scelte elettorali. Non si rende neppure conto – osserva il senatore di Fratelli d’Italia – che tutti i liberi popoli europeiprovano un profondo disprezzo nei suoi confronti come nei confronti del barbaro imperialismo di Putin. Gli appelli di Medvedev in Europa sono solo un fastidioso ronzio, senza alcun peso politico”, conclude Fazzolari.

“Il Copasir ha da tempo denunciato il rischio di ingerenze straniere nelle democrazie occidentali, specie durante i processi elettorali sollecitando le istituzioni a predisporre adeguate misure – ricorda il presidente del Comitato e senatore di Fratelli d’Italia Adolfo Urso. – Proprio domani nella riunione del Comitato questo sarà uno degli argomenti della Relazione annuale al Parlamento a conclusione della nostra indagine conoscitiva“.

Subito dopo le dichiarazioni di Medveded il Pd ha cercato di strumentalizzare in maniera penosa la vicenda – “Tutti ne prendano le distanze, iniziando da una destra sempre più ambigua sul tema”, aveva tentato di sostenere il piddino Enrico Borghi – restando, però, con il cerino acceso in mano.

“Le accuse mosse dagli esponenti della sinistra nei confronti del centrodestra sono risibili quasi quanto le dichiarazioni di Medvedev – replica il presidente dei senatori di Fratelli d’Italia, Luca Ciriani. – Lo confermano i voti espressi in Parlamento che hanno sempre attestato la postura internazionale, occidentale e all’interno della Nato dell’alleanza dei partiti di centrodestra. Spiace – rinvia Ciriani al mittente – non poter dire lo stesso dei partiti con cui il Pd ha deciso di allearsi e di sostenerne i candidati nei collegi uninominali”.

“Ancora illazioni in campagna elettorale da parte della sinistra. Stavolta è l’ingerenza straniera il tema attraverso cui colpire l’avversario politico – rincara la dose Wanda Ferro, vicecapogruppo alla Camera di Fratelli d’Italia rispondendo a Di Maio che aveva tentato di calciare la palla nel campo avversario. – Forse Di Maio dimentica di essere stato l’autore dell’accordo della via della Seta ormai riconosciuto come il più grave atto di ingerenza straniera nel nostro Paese e il suo sottosegretario Di Stefano ne sa più di tutti su ingerenze russe, cinesi e venezuelane”. “Da tempo Medvedev fa esternazioni di questo tipo, io credo che siano irricevibili, totalmente fuori luogoe segno di una personalità disturbata. Non meritano neanche una risposta”, dice all’Adnkronos Stefania Craxi, presidente della Commissione Esteri del Senato, di Forza Italia.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.