Il governo stanzia 30 milioni per l’Emilia Romagna. Pronta la sospensione di adempimenti fiscali e mutui (Video)

Nove morti, esondati 14 fiumi, allagati 24 Comuni. Sott’acqua il  tratto romagnolo dell’A14. Infrastrutture al collasso. Migliaia gli sfollati. L’ appello ai bolognesi: “Non spostatevi”. La catastrofe che si è abbattuta sull’Emilia Romagna sta impegnando il governo ora dopo ora a dare risposte immediate. La macchina dell’esecutivo è a pieno regime Il ministro dell’Interno Piantedosi è andato sui luoghi colpiti e i ministri hanno indetto una conferenza stampa nella sede operativa della Protezione Civile a Roma per illustrare i provvedimenti. Il Cdm sull’emergenza maltempo è stato indetto per martedì prossimo.

E stato Nello Musumeci ad esordire con l’aiuto concreto del governo alle popolazioni colpite: ”La proposta che porterò al Consiglio dei ministri è di una ulteriore risorsa a disposizione dell’Emilia Romagna di 20 milioni di euro: una somma che si aggiunge ai 10 milioni deliberati il 4 maggio, per far fronte alle prime necessarie spese: per urgenze, per il ripristino della viabilità”. Il  ministro per la Protezione Civile ha poi aggiunto che porterà ”in Cdm la proposta di delibera per estendere gli effetti dello stato di emergenza, dichiarato il 4 maggio scorso, alla provincia di Rimini; che si aggrega alle province di Reggio Emilia, Modena, Bologna, Ferrara Ravenna e Forlì Cesena”

Della massima urgenza la proposta del vice- ministro dell’Economia Maurizio Leo. Porterà in Cdm “un provvedimento nel quale ”verranno sospesi i termini di versamenti e adempimento; tanto per le persone fisiche quanto per strutture più articolate (società di capitali e di persone)”.  Con il ministro del Lavoro Calderone – ha aggiunto-  ”valuteremo, e anche questo sarà oggetto di precisazione normativa, gli adempimenti che saranno messi a carico dei sostituti d’imposta, che devono applicare ritenute su diverse tipologie di reddito, che potranno usufruire di meccanismi di sospensione”. Per quanto riguarda le rate dei mutui, “c’è già stata l’ autorizzazione al differimento delle rate; al pari di quello che faremo per gli aspetti tributari. C’è un’intesa di base, a questo si darà corso”. ”E’ un work in progress perché dobbiamo individuare quali sono tutti i comuni della regione che saranno interessati da eventi calamitosi”, sottolinea Leo.

“Proporremo, se sarà necessario, e penso che sarà necessario, la sospensione delle udienze civili e penali. E la sospensione dei termini per gli adempimenti contrattuali, delle cambiali e di tutti gli atti aventi forza esecutiva”. E’ l’impegno portato in conferenza stampa dal ministro della Giustizia, Carlo Nordio. “Si tratta di aprire una parentesi necessitata da questa emergenza; e di chiuderla nel più breve tempo possibile, quando sarà finita”. Tutti i ministri hanno illustrato i provvedimenti che il governo si appresta ad assumere per far fronte all’emergenza maltempo in Emilia Romagna. Meloni aveva già assicurato nel corso della giornata che il governo è pronto a tutto.

Il ministro dell’Agricoltura e la sovranità alimentare, Francesco Lollobrigida, è al lavoro –  insieme alle organizzazioni professionali del settore agricolo-  per ragionare su provvedimenti immediati che il Governo intende mettere in campo. “C’è una criticità immediatamente visibile che riguarda il mondo dell’agricoltura: ma una fotografia dei danni reali rispetto agli eventi in corso non è possibile. E forse nemmeno troppo utile perché vanno verificati in maniera puntuale. Ci sono aree colpite direttamente e indirettamente dall’alluvione”. “Ringrazio tutti i colleghi che si sono immediatamente messi a disposizione, in tempi rapidissimi”, tiene a precisare il ministro. Che rimanda al cdm di martedì. “Per poter arrivare con una fotografia dettagliata e strumenti di analisi di quello che sta verificandosi in queste ore; e delle conseguenze potenziali, per arrivare a una decretazione che sia efficace fin da subito”.

“In riferimento alle richieste già pervenute- è intervenuto il ministro per i rapporti con il Parlamento, Ciriani-  voglio rassicurare che il governo ha intenzione di riferire tempestivamente alla Camera e al Senato su quanto accaduto. Ho già informato i presidenti di Camera e Senato”. “Mi attendo attenzione massima alla calendarizzazione dei provvedimenti che il governo dovrà adottare – è stato molto chiaro- ; affinché siano approvati nei tempi più rapidi possibile”.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.