Crea sito

“Il diritto alla fuga non esiste” La Consulta a valanga contro i terroristi rossi: Pena da scontare

Era prevedibile che l’acuto mediaticamente più succulento del presidente della Corte costituzionale Giancarlo Coraggioriguardasse il terrorismo. I recenti arresti in Francia di storici latitanti delle Brigate Rosse hanno risvegliato la memoria e rinfocolato tensioni. Lo stesso Mattarellane ha fatto oggetto di una lunga conversazione con Repubblica, nel corso della quale ha ribadito la necessità di ricostruire con esattezza quei fatti e accertarne le responsabilità. Al palazzo della Consulta, ad ascoltare la relazione sugli indirizzi della giurisprudenza della Corte costituzionale nel 2020, c’era anche il Presidente. Accanto a lui anche i presidenti di Camera e Senato, Roberto Fico ed Elisabetta AlbertCasellati

Inevitabile, dunque, che il presidente Coraggio accennasse al terrorismo. Meglio, ai risvolti giuridici legati  all’esecuzione della pena per chi si è reso latitante dopo condanne decise dai tribunali italiani. Altrove non ci sarebbe stato il minimo dubbio circa la potestà dello Stato di punire chi ha pesantemente violato le sue leggi. Da noi è diverso. Anche per le larvate ingerenze esercitate in merito dalla Francia, interrotte (almeno si spera) solo ora da MacronOltralpe, infatti, i terroristi italiani sono stati coccolati dalla sapienza di sinistra.

Entrambe si basavano sul convincimento che il processo in Italianon fosse sufficientemente ispirato ai principi di equità, trasparenza e garantismo. Da qui una sorta di diritto a sottrarsi alle sue decisioni, anche se condannato per terrorismo. Una tesi a dir poco strampalata. E Coraggio non ha mancato di rimarcarlo. «Non si può istituzionalizzare il diritto alla fuga e di sottrarsi alla pena irrogata in un processo giusto e corretto condotto da giudici indipendenti», ha scandito il presidente della Consulta. «Questi signori – ha aggiunto – devono essere soggetti ai principi della nostra Costitituzione che non è ispirata alla vendetta, ma alla rieducazione. Credo – ha concluso – che i procedimenti e i giudici che abbiamo in Italia hanno sufficiente spirito di senso della Costituzione da permettere un trattamento corretto di costoro».

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.