Il Col. Ruolo d’Onore Calcagni guiderà il Team “La Fenice” in pista a Vallelunga, e a ith24: “Lo Sport, uno strumento di benessere”

By Gian Luca Pasini

“Anche questa sarà l’occasione per dimostrare ancora una volta che lo sport non è precluso a un paziente dializzato o trapiantato ma, anzi, diventa uno strumento di benessere psicofisico e di riscatto sociale, una terapia a costo zero a cui tutti dovrebbero essere sottoposti.
A guidare i ragazzi de “La Fenice” ci sarà un capitano d’eccezione, Carlo Calcagni che nella propria vita ha saputo affrontare sfide impossibili, superando barriere e ostacoli”. Così il Colonnello del Ruolo d’Onore Carlo Calcagni a ith24.

Dopo la fantastica esperienza ai Giochi Nazionali trapiantati e dializzati di ANED svoltasi a Milano, il gruppo del progetto “Un sogno nel Pallone” non si ferma ed alza l’asticella delle sfide sportive. Una squadra di 12 atleti parteciperà a una delle manifestazioni di endurance più importante in Italia, la 24 ore di Roma all’interno dell’autodromo di Vallelunga. Il circuito verrà chiuso ai motori e per due giorni, 16 e 17 luglio, lasciando spazio alle biciclette di moltissimi sportivi che si sfideranno lungo i circa 4.085 metri del tracciato.

Roma XXIVh è un evento unico nel suo genere. Nasce dal sodalizio professionale tra Emiliano Cantagallo, volto noto al cicloturismo nazionale, creatore del primo albergo al mondo solo per ciclisti “Pendenze Pericolose” e Giancarlo Fisichella, ex pilota di Formula 1, attualmente pilota Ferrari ma anche ciclista appassionato. Roma XXIVh racchiude 4 eventi incentrati sul mondo della bici, per offrire una esperienza al ciclista o ad un semplice visitatore, davvero completa ed appagante. La bici, il fitness, i ragazzi, il cibo e la musica, in un meraviglioso weekend dell’estate romana, racchiusi nella famosa cornice dell’autodromo di Vallelunga.

“La Fenice” questo è il nome della squadra scelto dai ragazzi trapiantati e dializzati che grazie ad ANED, e con la collaborazione del Comitato Italiano Paralimpico, hanno iniziato ad avvicinarsi allo sport dallo scorso gennaio con due appuntamenti al mese presso il Centro di Preparazione Paralimpica Tre Fontane a Roma.

La fenice rappresenta il favoloso uccello sacro degli Egizi, simile per l’aspetto a una grossa aquila a cui si attribuiva la peculiarità di rinascere. Simbolo di quanto è più unico che raro. Per alcuni di loro, dopo un lungo periodo di dialisi, il giorno del trapianto è realmente una seconda possibilità di vita, una rinascita. Questo è uno dei messaggi che il Team la Fenice vuole divulgare, l’importanza della donazione degli organi, una scelta di speranza per coloro che sono costretti a combattere con la malattia ogni giorno.

Ma sarà anche questa l’occasione per dimostrare ancora una volta che lo sport non è precluso a un paziente dializzato o trapiantato ma, anzi, diventa uno strumento di benessere psicofisico e di riscatto sociale, una terapia a costo zero a cui tutti dovrebbero essere sottoposti.

A guidare i ragazzi de “La Fenice” ci sarà un capitano d’eccezione , anzi un colonnello, Carlo Calcagni che nella propria vita ha saputo affrontare sfide impossibili, superando barriere e ostacoli. Ci sarà quindi anche il suo motto “MAI ARRENDERSI” ad echeggiare nel circuito di Vallelunga.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.