I social del tempo perso: “Ha fatto il saluto romano”: il funzionario di polizia del porto di Trieste sotto ingiusta accusa (Video)

Sui Social continua la caccia al segnale fascista e al “saluto romano”: tocca stavolta a un video che arriva da Trieste.

Lo sgombero dei manifestanti che stazionavano davanti al Varco 4 di Trieste ha infatti una coda polemica singolare. Sui Social, il video del funzionario di polizia che invita i manifestanti a disperdersi “in nome della legge”, assumerebbe delle connotazioni fasciste. 

Davanti ai poliziotti che sono scesi dai mezzi in tenuta antisommossa, si vede nei video un funzionario che ha più volte invitato i no green pass a disperdersi “in nome della legge”. Nel video il funzionario di polizia di Trieste muove il braccio e su Twitter già spunta l’individuazione certa: “Ha fatto il saluto romano”.

Il gesto del funzionario di polizia, con tanto di fasica tricolore, arriva poco prima che vengano azionati gli idranti. Quindi si susseguono le immagini e dei commenti davvero singolari. «Il podestà di #Trieste intento a fare il salutoromano mentre intima ai manifestanti pacifici di andarsene chi è il #fascista#Cgil#dittatura»

Anche Gianluigi Paragonecavalca la “suggestione” del braccio teso, ideologico. «Trieste, ancora violenza gratuita contro cittadini inermi. Ma questa volta c’è un dettaglio, da brividi». Con queste parole l’ex parlamentare pentastellato condivide il video con un titolo: «Ma quanto se la godono a ordinare le cariche con il braccio teso?».

E tra chi commenta il post di Paragone osserva: «O braccio teso o pugno chiuso, sempre carica è».

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.