“I cittadini vogliono un’Ue di centrodestra”. L’avviso di Weber a Bruxelles

By Lorenzo Grossi

Il presidente del Partito Popolare Europeo, Manfred Weber, arriva alla riunione al Parlamento europeo del gruppo centrista Ue per porre all’attenzione il fatto che la nuova Commissione debba necessariamente basarsi sulle recenti volontà degli elettori della Comunità internazionale alle urne. Il punto di partenza del Consiglio – dice – deve essere innanzitutto il messaggio di stabilità: “Vogliamo trovare un’intesa comune e faremo gli interessi dei cittadini”. Il suo desiderio è assicurarsi e chiarire che “tutti gli accordi sulle personalità devono essere basati sulla programmazione”, mette bene a punto l’esponente politico tedesco nel momento in cui il bis di Ursula von der Leyen sembra oramai scontato. Questo perché “le persone vogliono vedere un cambiamento“. La gente vuole vedere un altro volto dell’Europa, perché per cui ha votato il popolo è un'”Ue di centrodestra“.

Weber sottolinea allo stesso tempo come i liberali e i verdi siano “i grandi perdenti di queste elezioni”. Ecco perché è chiaro che, nella direzione politica del prossimo quinquiennio, si deve costruire un’Europa di centrodestra e “tutte le persone proposte per i ‘top job’ devono riflettere su questo, non c’è possibilità di continuare perché non è successo niente – aggiunge -. La gente ci ha detto cosa dobbiamo fare e tutti devono rispettarlo”. L’eurodeputato bavarese è soddisfatto per il sostegno a von der Leyen ribadito nel Consiglio Ue: “Lei non è in discussione, quindi c’è una buona comprensione che abbia svolto un ottimo lavoro negli ultimi cinque anni”, dichiara.

In tutto questo, comunque, è stata anche già trovata un’intesa comune su ulteriori nomi: i socialisti hanno proposto l’ex capo di governo portoghese Antonio Costa per il vertice del Consiglio e i liberali che hanno avanzato il nome della premier estone Kaja Kallas come Alta rappresentante dell’Unione per gli affari esteri: “Tutto questo è già un passo importante perché ora abbiamo chiarezza da questi due partiti” ed è inoltre “una buona base per ulteriori negoziati al tavolo e ciò accadrà nei prossimi giorni”.

Rispondendo infine a una domanda sul riconoscimento da parte del presidente della Repubblica francese del sistema degli spitzenkanditaten e di von der Leyen, Weber si rivela abbastanza pungente: “Su quello che pensa Emmanuel Macron, bisogna chiederlo a lui”, afferma.

Il presidente del Ppe può solamente valutare che, durante la riunione del Consiglio di ieri, “c’è stato un ampio e schiacciante sostegno per von der Leyen e questo sta creando molta stabilità”. Il Partito Popolare Europeo ha vinto le elezioni “e il nostro candidato principale diventerà presidente della Commissione”, conclude.

Pubblicato da edizioni24

Pubblicato da ith24.it - Per Info e segnalazioni: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.