Green pass come fine pena mai: in Gazzetta ufficiale spunta l’obbligo “eterno”. Meloni: “Eliminatelo subito”

«Con quale coraggio il governo continua a sostenere quest’inutile e dannosa misura, che colpisce la libertà di ognuno di noi e la nostra economia, mentre il resto del mondo ha abbandonato, o quasi, ogni genere di restrizione? Il Green Pass non va esteso: va eliminato totalmente. Subito». Lo scrive su Facebook Giorgia Meloni, commentando quanto rivelato dal quotidiano La Verità.

Il quotidiano diretto da Maurizio Belpietro riporta un dettaglio che è sfuggito praticamente a tutti, o quasi. «Passato sotto traccia, il dpcm del 2 marzo rende il certificato verde valido 540 giorni dalla dose di richiamo Scaduti i quali sarà emesso un altro documento, di uguale durata. Ma i rinnovi potranno diventare perenni». 

«Il documento – scrive La Verità – formalmente, serve ad aggiornare le modalità di verifica dell’obbligo vaccinale e della carta verde. Nella realtà, e senza tanti giri di parole, all’articolo 1 (comma b) spiega che la blockchain sottostante il lasciapassare, una volta somministrata la dose di richiamo successiva al ciclo vaccinale, durerà 540 giorni. Al termine dei quali la piattaforma nazionale provvederà in automatico a emettere un secondo green pass, anch’ esso valido per altri 540 giorni. In tutto farebbe 1.080 giorni, la bellezza di quasi tre anni. Attenzione. Nulla dice che ci si ferma lì. L’automatismo dovrebbe poi essere interrotto. Ma nel testo del dpcm non c’è alcuna traccia di una tale intenzione. 

Con amara ironia, il quotidiano replica a «coloro che si lamentavano ritardi nelle multe agli over 50 non vaccinati, ecco la risposta. C’è tutto il tempo necessario (540 giorni rinnovabili all’infinito) per fargli arrivare a casa il bollettino da pagare. Altro che stop all’obbligo il 15 giugno». Il timore è evidente: la proroga in automatico “è un tassello del progetto più ampio: rendere permanente la carta verde, al di là di ogni natura emergenziale e persino sanitaria».

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.