Crea sito

Giuseppe Conte, l’aiuto al padre della fidanzata Olivia Paladino: condannato per tasse non pagate? Cambia la legge

Certo, incassare soldi pubblici destinati a chi è in affanno quando hai il portafogli gonfio non è bello. Se poi a farlo è addirittura chi quei soldi li ha stanziati lo è ancora meno.

E di molto. Ma pensiamo davvero che basterà scagliare un po’ di pietre contro quel manipolo di parlamentari barboni per chiudere la vicenda dei furbetti del bonus? Ad esempio, cosa diremmo di un premier che infila in un decreto una norma per evitare il carcere a suo suocero? Quando Silvio Berlusconi veniva accusato di varare modifiche al codice di procedura penale a suo vantaggio si scatenava il finimondo. Del “bonus” che si è regalato Giuseppe Conte, però, non ne parla quasi nessuno..

Eh sì, perché dopo l’indennizzo da 600 euro elargito a cani, porci e deputati col Cura Italia, l’esecutivo guidato dall’avvocato del popolo ha varato anche il decreto Rilancio.

E lì dentro, all’articolo 180, commi 3 e 4, si legge, tra le altre cose, che «per l’omesso, ritardato o parziale versamento dell’imposta di soggiorno e del contributo di soggiorno si applica una sanzione amministrativa». Intendiamoci, la modifica normativa non è scandalosa. Anzi. Finora una giurisprudenza consolidata a colpi di sentenze della Cassazione aveva fatto passare il principio che gli albergatori, costretti dallo Stato a raccogliere dai turisti i 7 euro della tassa di soggiorno da destinare agli enti locali, fossero equiparati a pubblici ufficiali. Di conseguenza, qualsiasi intoppo nel trasferimento dei tributi raccolti, anche da parte di chi ha un semplice bad and breakfast o mette in affitto una camera con Airbnb, comportava l’accusa di peculato (art. 314 cp) e il rischio di condanne fino a 10 anni e sei mesi.

A peggiorare la situazione ci si è messo lo spazzacorrotti voluto dai grillini, che ha inserito il peculato tra i reati ostativi alla concessione delle misure alternative alla detenzione. In altre parole, si va in galera.

Bene, dunque, anche se sorprendente, vista la furia pentastellata contro l’infedeltà dei pubblici ufficiali e qualsiasi forma di corruzione, la depenalizzazione del mancato o ritardato versamento delle imposte da parte di albergatori e affini.

Dopo il dl Rilancio l’illecito è diventato amministrativo: si restituisce la somma trattenuta illegittimamente, si paga una sanzione e la vicenda si chiude. Cosa c’entra Conte, direte voi. Ebbene, tra i primi a beneficiare dell’allentamento giuridico è spuntato Cesare Paladino, amministratore unico della società Unione esercizi alberghieri di lusso s.r.l che gestisce la struttura ricettiva Grand Hotel Plaza, un albergone di altissimo livello nella centralissima via del Corso a Roma. Per problemi che qui non interessa chiarire, Paladino ha omesso di trasferire al comune di Roma tra il 2014 e il 2018 due milioni di tasse di soggiorno pagate dagli ospiti della struttura. Indagato nell’estate del 2018, lo scorso anno, a giugno, ha patteggiato una pena a un anno, due mesi e 17 giorni.

L’articolo continua a pagina 2

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

27 Risposte a “Giuseppe Conte, l’aiuto al padre della fidanzata Olivia Paladino: condannato per tasse non pagate? Cambia la legge”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.