Crea sito

Giorgia Meloni sull’immigrazione non le manda a dire: “Bisogna fermare l’immigrazione illegale di massa, aspettiamo Draghi alla prova dei fatti”

«Se ci fosse stato il voto non avremmo un governo che rischia l’immobilismo, con persone che si detestano e non si mettono d’accordo su nulla». Ospite di Mattino 5Giorgia Meloni è tornata a ribadire le ragioni del suo no a Draghi, dal rifiuto di vedere l’Italia come una “democrazia di serie B”, nella quale non è consentito ai cittadini scegliersi il governo, ai dubbi sull’effettiva possibilità per il nuovo esecutivo di riuscire a realizzare ciò che serve al Paese, anche se alla guida c’è una figura autorevole come Mario Draghi.

«Non lo conoscevo. L’ho visto alle consultazioni. Dicono abbia grandi capacità», ha spiegato la leader di FdI, parlando del premier e chiarendo che «la posizione di FdI non riguarda Draghi, ma il contesto dove è inserito». A partire dalla questione della «squadra», che «è al di sotto delle aspettative degli italiani». Per Meloni nel programma ci sono «principi condivisibili», «cose su cui siamo d’accordo», come «la crescita economica». Ma, ha precisato la leader di FdI, il premier «non ha chiarito come intende calarli nel concreto». Dunque, «lo aspettiamo alla prova dei fatti», ha ribadito Meloni, soffermandosi sulla «immigrazione di massa illegale» che «si deve fermare, non è un diritto». «Se le persone mi votano per fare determinate cose e poi ne faccio altre non va bene», ha avvertito.

Meloni, quindi, ha confermato di non essere preoccupata della decisione di non appoggiare il governo Draghi. Anzi, ha chiarito, non solo non è «mai stata preoccupata», ma neanche «mai così convinta di scelta che ho fatto». «Sonofiera di avere un partito che ha condiviso dall’inizio la scelta che ho fatto», ha poi aggiunto, chiarendo di non sentirsi affatto, con FdI, protagonista di una traversata solitaria nel deserto. «Mi pare affollato questo deserto, stante quello che vedo tra i cittadini», ha replicato alla domanda su un possibile isolamento e riferendosi ai dubbi che questo governo così ampiamente sostenuto in psrlamento comunque suscita tra gli italiani.

Anche per quanto riguarda il centrodestra, Meloni non ha espresso particolari timori. La leader di FdI ha spiegato che «anche da posizioni diverse deve cercare di lavorare assiemeper sostenere le idee che insieme portiamo avanti». «Penso – ha sottolineato – che il centrodestra potrebbe uscire rafforzato anche da queste scelte diverse che abbiamo fatto, da questa temporanea divaricazione. Nessuno – ha concluso la leader di FdI a Mattino 5 – mette in discussione l’unità dell’alleanza».

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.