Giorgia Meloni ospite al Forum di Bled, tuona: “No al Superstato, sì alla confederazione di nazioni sovrane”

«No al Superstato, sì ad una confederazione di Stati sovrani». Questo in estrema sintesi il messaggio che Giorgia Meloni lancia dalla Slovenia, dove ha partecipato al dibattito sul tema: “Future of Europe – Diversity and Consensus” nell’ambito della “Blad strategic Forum 2021”. Si tratta del più importante appuntamento dell’Europa centrale e sudorientale, cui partecipano i più importanti uomini di Stato e di governo. In precedenza, accompagnata dal co-presidente del gruppo EcrRaffaele Fitto e dal capodelegazione all’Europarlamento Carlo Fidanza, la leader dei Fratelli d’Italia aveva incontrato il primo ministro sloveno Janez Jansa e quello polacco Mateusz Morawiecki. Al centro del colloquio, migranti e questione afghana.

Pieno e corale d’accordo nel denunciare e contestare la retorica di Bruxelles sulle «porte aperte a tutti». Come la Slovenia, anche la Polonia è preoccupata dai «flussi della rotta balcanica», sui quali è forte il «ricatto migratorio della Bielorussia». Ma torniamo al Forum di Bled. Punto centrale del dibattito, il futuro modello di Ue. Un tema che sta particolarmente a cuore alla leader della destra italiana ed europea. Che non ha deluso le attese. «È tempo – ha premesso – di una conversazione aperta e onesta sul futuro dell’Europa». Per poi sottolineare che «la conferenza sul futuro dell’Europa è stata fortemente voluta dall’establishment europeo per avere un’Unione più stretta». Ma, ha aggiunto, «si evita di confrontarsi sul merito».

«L’Ue – ha detto ancora la Meloni – dovrebbe evolvere verso un modello confederale». L’idea è quella di una confederazione di Stati sovrani «che concentri iniziative e risorseeconomiche solo su temi importanti, lasciando aspetti minori alla competenza degli stati nazionali». Si tratta di un modello assolutamente «in accordo con il principio di sussidiarietà»,. Un principio, ha ricordato, che «è nei trattati ma viene ignorato dalle istituzioni europee». Per la Meloni, dunque, una terza via tra l’europeismo acritico e l’antieuropeismo c’è. «È – ha concluso – quella che propone il Gruppo dei conservatori e riformisti europei, basandosi su un approccio realistico e pragmatico in cui l’Ue fa meno ma lo fa meglio».

Pubblicato da edizioni24

Sito a cura di Rita De Marco dal 07/09/2021. Rita De Marco è una studentessa di Napoli, aspirante giornalista, fashion Blogger. Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.