Francia, il sondaggio a 7 giorni dal voto: Marine Le Pen asfalta Macron

Manca una settimana al voto anticipato in Francia per rinnovare l’assemblea, il voto voluto da Emmanuel Macron all’indomani della fragorosa sconfitta alle europee, tornata elettorale dove il Rassemblement National di Marine Le Pen si è rivelato prima forza in campo e per distacco. E a sette giorni dal voto ecco gli ultimi sondaggi, secondo cui il Rassemblement National della Le Pen e i suoi alleati sarebbero saldamente in testa al primo turno delle elezioni parlamentari con il 35,5% dei voti. La rilevazione, firmata Ipsos, è stata pubblicata oggi, domenica 23 giugno, dal quotidiano Le Parisien e da Radio France. L’alleanza di sinistra Nouveau Front Populaire (NPF) sarebbe al secondo posto con il 29,5%, mentre l’alleanza centrista del presidente Emmanuel Macron si fermerebbe al 19,5% dei voti.

Un’analoga indagine condotta da Ipsos per il Financial Times ha rilevato che il 25% degli intervistati ha maggiore fiducia nella capacità del RN di Marine Le Pen di prendere decisioni sulle questioni economiche, rispetto al 22% del Nuovo Fronte Popolare, mentre solo il 20% degli intervistati degli intervistati dice di fidarsi della politica economica dell’alleanza dell’attuale presidente Macron, sempre più in affanno e con sempre meno consenso popolare. E, nel dettaglio, sarebbe soprattutto la politica economica a spingere verso una vittoria Marine Le Pen e a vedere una bocciatura del presidente Macron.

In particolare, RN si è classificata al primo posto in quanto a politiche per il miglioramento del tenore di vita, lotta all’inflazione e nella riduzione delle tasse. Marine Le Pen ottiene la maggior fiducia degli elettori anche per quanto riguarda la riduzione della disoccupazione, un cavallo di battaglia della presidenza Macron, che ha visto scendere la disoccupazione al minimo degli ultimi 15 anni prima di risalire lo scorso anno. Il 23% degli intervistati ha affermato di avere maggiore fiducia in RN per ridurre il deficit e il debito pubblico. L’alleanza di Macron e l’NPF, che ha vasti piani fiscali e di spesa, si fermano al 17%.

Una tendenza confermata da un sondaggio Elabe per BFM TV e La Tribune Dimanche, che ha rilevato che il programma economico della RN è stato percepito in modo più positivo rispetto a quello della sinistra o dell’alleanza di Macron. Tuttavia, un 62% degli intervistati ha affermato che il programma della RN non è credibile, contro un 36% che lo definisce concretamente realizzabile. Insomma, per quel che riguarda il primo turno del voto anticipato in Francia tutti i numeri indicano Le Pen. E a Bruxelles, dopo il verdetto delle Europee, tremano ancora…

Pubblicato da edizioni24

Pubblicato da ith24.it - Per Info e segnalazioni: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.