Crea sito

Draghi europeista puro sangue: sbaglia il cerimoniale e non si ferma davanti al Tricolore (partiamo male)

Ingresso con gaffe a Palazzo Chigi per Mario Draghi. L’insediamento è stato funestato da un errore del presidente del Consiglio che non si è fermato davanti alla bandiera per l’omaggio al Tricolore ed è stato fermato da un ufficiale che glielo ha fatto notare. Così Draghi è tornato sui suoi passi, per fermarsi poi sull’attenti davanti al Tricolore, come mostra il video che in queste ore sta diventando virale. Una svista, ma sicuramente di alto impatto simbolico in una giornata dove il protocollo andava seguito in modo certosino.

Il giorno dell’insediamento ha visto Draghi già al lavoro nella stanza fino a poco prima occupata da Giuseppe Conte.  Il premier si è intrattenuto, a quanto viene riferito, con il neosottosegretario alla presidenza Roberto Garofoli. Al momento il nuovo presidente del Consiglio non ha ancora uno staff, sono vuote per ora le stanze riservate a portavoce e ufficio della comunicazione.

Nel primo Consiglio dei ministri, Draghi ha detto che l’obiettivo è quello di mettere in sicurezza l’Italia, ha promesso che il governo sarà ambientalista e ha invitato tutti ad accantonare gli interessi di parte.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.