Crea sito

Dopo i disastri, la lasciano ancora parlare Fornero ipocrita e vomitevole: “Meloni e Salvini sono il peggio, non hanno idee. Meglio tenersi Conte”

By Lucia Gallo (per ith24)

Ne ha combinate di tutti i colori, e la lasciano ancora parlare. Forse solo perché riesce ad essere crudele nel linguaggio con Matteo Salvini e Giorgia Meloni. E questo alla sinistra fa comodo. Ma è un disco ritto. Carta sempre lo stesso ritornello, vomitevole. E a L’aria che tira di Myrta Merlino in onda su La7, pontifica su coronavirus e ripresa:, come se fosse anche un medico “Che questo sia il governo giusto per affrontare l’emergenza è lecito dubitarne“. Ma, “considerate l’indisponibilità e la mancanza di idee concrete da parte dell’opposizione, direi di sì”.

In breve sostanza per la Fornero, passata alla storia per le dubbie lacrime , anche se il governo Conte è una schifezza, meglio tenerselo stretto, perché dall’altra parte c’è Salvini e Meloni. Roba da far accapponare la pelle. Meglio far sprofondare l’Italia e gli italiani piuttosto che ridare la parola agli Italiani. Altro che democrazia…

Ma il suo ragionamento continua: “bisogna fare fuoco con la legna che si  ha. E noi abbiamo una legna molto verde ancora. Molto poco  matura. E per questo il governo oggettivamente molto debole nell’affrontare la situazione post Covid. Con tutti i problemi  economici  che ci sono. E non dimentichiamo che questi problemi hanno colpito un sistema economico e forse anche sociale già debole da problemi strutturali di lungo periodo. Quindi non è la questione soltanto del Covid o delle sue conseguenze. È che il Covid è il secondo grande choc che l’economia italiana, la società italiana subiscono nel giro di dieci anni”.

E sugli Stati generali dell’economia, chiosa:. “Mi sembra che adesso ci sia bisogno di decisioni. Discutere, dialogare va sempre bene. Noi come governo tecnico ci siamo trovati a dover prendere decisioni  senza discutere con le parti sociali e la popolazione italiana abbiamo capito, ho capito, quanto importante sia parlare con le persone. Però in questo momento c’è bisogno di decisioni. Come può un governo assumere questi  propositi che sono a 360 gradi quando non è stato  ancora in grado di dire se la Cassa integrazione è arrivata a quelli che hanno fatto richiesta? Se il credito è arrivato alle imprese?

Infine: “Non ci danno neanche i dati quotidiani… Il governo non è in grado di fare questo e poi mette in scena una rappresentazione  un po’ faraonica. C’è un bellissimo articolo di Polito sul Corriere della Sera dal titolo “L’enfasi da Re Sole”. Ecco questo non è il momento di atteggiarsi a Re Sole”.

Insomma, Conte andrebbe cacciato a calci, ma non si può, altrimenti il Popolo sceglierebbe il centrodestra.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.