Doccia gelata per il Pd, Fratoianni e Bonelli frenano Letta: “Per noi agenda-Draghi impraticabile”

«Abbiamo ribadito che consideriamo l’idea che un’alleanza che veda al centro l’agenda Draghi è per noi impraticabile e che le intese, stabilite con altre forze, non possono essere vincolanti». È un fine pomeriggio amaro quello regalato al segretario del PD Lerra dal leader di Sinistra italiana Nicola Fratoianni e dal co-portavoce di Europa verdeAngelo Bonelli. Ufficialmente non c’è né rottura né intesa, ma rinvioa 24-48 ore prima di nuovo incontro, questa volta definitivo. Ma se le parole hanno un senso, Letta o accontenta Calenda, paladino dell’agenda-Draghi, o i dioscuri rosso-verdi. Tertium non datur.

«Abbiamo registrato la forte volontà di Letta di rendere l’alleanza centrale» e quindi «una forte volontà di raggiungere un’intesa sull’alleanza», spiegano Bonelli e Fratoianni uscendo da Montecitorio. E se Bonelli annuncia tempi rapidi («entro 48 ore capiremo se ci sono le condizioni per un’alleanza»), Fratoianni si appella a Letta: «Ci aspettiamo una riflessione anche nel Pd». Affinché – spiegano all’unisono – si faccia carico del disagio, «che non è solo nostro ma del Paese». Il disagio, manco a dirlo, riguarda soprattutto i collegi. L’accordo 70 per cento al Pd, 30 per centro ad Azione. Lascia del tutto insoddisfatti i rosso-verdi

«Calenda – aveva ironizzato in mattinata Fratoianni dagli studi di Agorà, su RaiTre – mi sembra sovradimensionato nell’espressione del suo ego quotidiano. Lo ringrazio perché sta costruendo una gratuita campagna elettorale per noi». L’incontro con Letta si è tenuto al termine di una giornata segnata da tensioni e che ha registrato anche il tentativo di Giuseppe Conte di incunearsi nella crisi aperta a sinistra dall’intesa raggiunta tra i dem e Carlo Calenda. «Fratoianni è un interlocutore serio, io ci ho parlato varie volte», era stata l’apertura del capo dei 5Stelle, ospite di Metropolis, su Repubblica.it. Per poi aggiungere: «Noi siamo in grado di soddisfare l’elettore di sinistra, possiamo contrastare l’agenda della destra. Non ci sono ruggini antiche con Bonelli». Staremo a vedere..

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.