Di Maio aereoplanino e bibitaro catapultato in volo fuori dal Palazzo, il web lo prende a pesci in faccia: gli sfottò su Giggino non si placano

Di Maio sconfitto resta fuori il portone del Parlamento. E il web si scatena con meme e sfottò che sbeffeggiano e se la ridacchiano, mentre lui, chiuso nel silenzio, ieri sera ha evitato commenti. Missing in action, letteralmente. Tanto che quando l’inviata di Quarta Repubblica si collega con lo studio e il conduttore Nicola Porro, il comitato elettorale dell’ex grillino si mostra deserto e silente. «Qui sono andati tutti a casa», esordisce la giornalista. E la reazione dello studio di Rete 4 trasuda immediatamente stupore e ironia. Mancava solo che i cameramen inquadrassero gli operai intenti a smontare il pannello con il logo di Impegno civico, inquadrato alle spalle dell’inviata, e il quadretto era completo. È stata proprio questa, a ben vedere, la prima (involontaria battuta) su Giggino che si è fatto vivo solo in tarda mattinata: “Nella vita si cade ma poi ci si rialza”.

Al resto, poi, hanno provveduto i social… La sconfitta di Di Maio nel collegio uninominale di Napoli Fuorigrotta e il mancato raggiungimento del 3% per Impegno Civico (l’ex grillino era candidato capolista di Impegno Civico nei plurinominali Campania 1-01 e 1-02) determina il mancato ingresso di Di Maio nel nuovo Parlamento, dopo due mandati consecutivi proprio con il Movimento 5 Stelle, del quale è stato capo politico. Neanche il tempo di ripararsi sotto l’ombrello del Pd, che per Giggino arriva la batosta. Che col nubifragio che ieri ha colpito Napoli in particolare, ma tutta la Campania, tracima in una bufera social che investe e inonda di sfottò il ministro degli Esteri uscente.  A partire da un risultato elettorale che, numericamente, parla da solo. Un numero più da prefisso telefonico che da percentuale elettorale…

Allora, tra chi rilancia la foto di Di Maio nel volo tersicoreo alla Dirty dancing, accompagnando l’immagine con didascalie del tenore di: «Di Maio all’uscita del Parlamento». E chi posta vignette in stile fumetto, con l’ex ministro allo stadio con tanto di cesto delle bevande al seguito e la nuvoletta che recita: «Oh Giggì, si turnat?», fantasia e sarcasmo non conoscono limiti. Fotomontaggi, gag, meme e didascalie al vetriolo, insistono sull’amara sconfitta di chi, volendo prendere scorciatoie, si è ritrovato fuori dal Palazzo, dove sarebbe comunque arrivato anche se fosse rimasto coi 5 stelle (e con nessuna deroga al tetto del doppio mandato).

E così, con una ennesima rivisitazione sul tema del volo cinematografico, un utente piazza un cassonetto di fronte a Di Maio in posa aerea, con la didascalia che esplicita: «La scissione in Parlamento finisce malissimo». Qualcuno, ancora più ingegnoso, pubblica in rete un fotomontaggio con 4 immagini di Maio che, tra mani, piedi, e scatto che lo riprende di spalle, accompagnati dal ritornello dal successo sanremese della Rappresentate di Lista: «Con le mani, con i piedi, con il culo… Ciao Ciao». Mentre qualcun altro, contemporaneamente, si limita a scrivere: «Alla fine hanno abolito solo Di Maio»… Infine, qualcun altro, dal Parody account fake, firmato Gianni Kuperlo, intona l’ennesimo De profundis satirico e posta: «Si va verso Di Maio percettore del reddito di cittadinanza»…

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.