Crea sito

Daniele: “Ho sognato di ricevere un ricorso giudiziale, ed era più divertente di quella scritta da Peppino sotto dettatura di Totò. Un capolavoro di comicità”

By Gaetano Daniele

E cosa possiamo dire di più? Quello che non si può scrivere qui perché altrimenti spianiamo la strada a presunti clan? No. Non lo scriviamo. Quello che avete appreso dalla mia penna è già troppo. Ora ci tocca scrivere solo il finale. E non ci resta, fiduciosi, di aspettare. Ma, stanotte, ho fatto un sogno: “Ho sognato di ricevere un ricorso giudiziale, ed era più divertente di quella scritta da Peppino sotto dettatura di Totò. Un capolavoro di comicità”. Ma rimane un sogno. Chissà!. Anche se a volte i sogni possono essere premonitori.

E se noti avvocati che non amano vincere le battaglie ma la guerra dovessero accostarsi al sogno che ho fatto vuol dire che la categoria si è messa sulla strada della comicità. Ognuno scrive come può, alcuni con le terga.

Anche perché come mi disse una mia vecchia amica di “giù al ponte”, i mariti sono sangue prestato.. Insomma, il clan è servito: prego, si accomodi, siamo gente onesta, semplice: sotto a chi tocca. Del resto il matrimonio è una cosa seria: serve, in caso di divorzio a mantenere la partner, possibilmente a vita.

Poi mi sono svegliato: era tutto un bluff. 2 truffatori, due manutengole alla costante ricerca della buona sorte, e un delinquntello da 4 soldi. L’unica triste, cruda e nuda realtà.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Una risposta a “Daniele: “Ho sognato di ricevere un ricorso giudiziale, ed era più divertente di quella scritta da Peppino sotto dettatura di Totò. Un capolavoro di comicità””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.