Crea sito

Crisi economica in Vaticano. Papa Francesco taglia stipendi e blocca gli scatti di anzianità a cardinali e religiosi

Basta sprechi in Vaticano. Papa Francesco ha deciso di tagliare a tempo indeterminato gli stipendi della costosa organizzazione ecclesiastica. Il 10 per cento ai cardinali. L’8 per cento ai capi dicastero e ai segretari. Il 3 per cento di riduzione, invece, riguarda tutti i sacerdoti, i religiosi. E le religiose in servizio presso la Santa Sede. Non solo. Tutti i dipendenti vedranno bloccato lo scatto di anzianità fino al 2023 (eccetto i dipendenti laici dal primo al terzo .

“Un futuro sostenibile economicamente richiede oggi, fra altre decisioni, di adottare anche misure riguardanti le retribuzioni del personale”, scrive Bergoglio spiegando la decisione motu proprioNessun licenziamento nelle intenzioni del Pontefice, ma una netto contenimento delle spese. L’intervento si ispira a ‘criteri di proporzionalità e progressività” con dei ritocchi che riguardano specialmente i chierici, i religiosi e i livelli più alti. Una stretta motivata “dal disavanzo che da diversi anni caratterizza la gestione economica della Santa Sede”. Ma anche dai contraccolpi della  pandemia, come riporta l’Adnkronos. “Che ha inciso negativamente su tutte le fonti di ricavo della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano”.

I tagli agli stipendi scatterà dal 1 aprile. A partire da quella data, la retribuzione “corrisposta dalla Santa Sede ai cardinali è ridotta del 10 per cento”. I tagli non si applicano in casi eccezionali collegati alle spese per la salute. Il blocco degli scatti biennali tra il 1 aprile 2021 e il 31 marzo 2023 riguarderà  tutto il personale in servizio presso la Santa Sede, il Governatorato e altri enti collegati. “Ma soltanto per il personale laico”, precisa Vatican news. “Questo blocco riguarderà i dipendenti dal quarto livello in su e dunque non toccherà gli stipendi più bassi”. Le disposizioni valgono anche per il Vicariato di Roma, i Capitoli delle Basiliche Papali Vaticana, Lateranense e Liberiana, la Fabbrica di San Pietro e la Basilica di San Paolo fuori le mura.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.