Covid, calano i casi, ma la pillola antivirale Pfizer è un flop

Sono 18.896 i nuovi contagi da Covid in Italia. Si registrano inoltre altri 124 morti. Nelle ultime ventiquattr’ore sono stati processati 122.444 tamponi, tra molecolari e antigenici, con un tasso di positività al 15,4%. I ricoverati con sintomi sono 794, 56 in più da ieri. Sono 368 le terapie intensive occupate, due in più da ieri.

E intanto la pillola anti-Covid Paxlovid di Pfizer delude nell’utilizzo finalizzato a prevenire l’infezione in persone esposte al virus in quanto conviventi di positivi. L’antivirale era sotto esame da questo punto di vista in uno studio i cui risultati sono stati resi noti dalla stessa azienda in questi giorni. Dai dati è emerso che l’obiettivo primario del trial di fase 2/3 Epic-Pep “non è stato raggiunto”, ha spiegato Pfizer.

Finalizzato a valutare l’uso profilattico post-esposizione, lo studio ha rilevato «riduzioni del rischio del 32% e del 37% negli adulti che hanno ricevuto Paxlovid, rispettivamente per 5 e 10 giorni, con l’obiettivo di prevenire l’infezione». Questi risultati «non erano statisticamente significativi e, come tale, l’endpoint primario di riduzione del rischio di infezione confermata e sintomatica da Covid negli adulti esposti al virus attraverso un contatto positivo nell’ambito familiare non è stato raggiunto».

In questo trial il profilo di sicurezza è rimasto generalmente coerente quando il farmaco è stato utilizzato per cinque o dieci giorni. Le analisi di tutti gli altri obiettivi fissati e dei sottogruppi sono in corso. “Abbiamo progettato il programma di sviluppo clinico per Paxlovid in modo che fosse completo e ambizioso – ha affermato Albert Bourla, presidente e Ceo di Pfizer – Sebbene siamo delusi dall’esito di questo particolare studio, questi risultati non influiscono sui forti dati di efficacia e sicurezza che abbiamo osservato nel nostro precedente studio per il trattamento di pazienti Covid ad alto rischio di sviluppare malattie gravi, e siamo lieti di vedere il crescente utilizzo a livello globale di Paxlovid in quella popolazione».

Quanto alla profilassi post-esposizione, lo studio Epic-Pep nell’analisi top-line ha valutato i dati di quasi 3mila adulti. Sono state arruolate persone con risultato negativo al test antigenico rapido, senza sintomi e contatti domestici di persone positive sintomatiche. Il reclutamento è iniziato a settembre 2021 ed è stato completato durante il picco dell’ondata della variante Omicron di Sars-CoV-2.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.