Crea sito

Coronavirus, riparte la fregatura: riunione governo-Regioni: “Movida e rientri dall’estero, nuova stretta”. Ma non una parola sui centri d’accoglienza

Nelle prossime ore è prevista una riunione straordinaria della conferenza Stato-Regioni. Considerati i problemi derivanti dalla movida e soprattutto dai rientri dall’estero, il governo ha deciso di imporre una nuova stretta perché ha paura della seconda ondata: l’intenzione è di stabilire regole uguali per tutti, dato che le Regioni finora sono andate in ordine sparso, confondendo ulteriormente gli italiani su cosa è consentito fare e cosa no.

Innanzitutto i ministri Boccia e Speranza intendono proporre l’obbligo per chi rientra da Spagna, Grecia, Croazia e Malta di sottoporsi al tampone faringeo e di stare a casa per due giorni in attesa dei risultati. Diversi governatori preferirebbero però il test sierologico, che consente di sbrigare la faccenda in un quarto d’ora e di evitare isolamenti domiciliari che potrebbero rivelarsi inutili.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

2 Risposte a “Coronavirus, riparte la fregatura: riunione governo-Regioni: “Movida e rientri dall’estero, nuova stretta”. Ma non una parola sui centri d’accoglienza”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.